Virgilio Sport

Mondiali: Recuperi infiniti, le partite ora durano più di 100’, cosa è cambiato

I Mondiali di calcio "Qatar 2022" fanno discutere anche per i lunghi tempi di recupero assegnati dagli arbitri. I motivi.

Pubblicato:

Tra le varie polemiche che accompagnano questo mondiale di Qatar 2022, concentrandoci sul calcio giocato, vi sono quelle relative alla lunghezza delle partite. Per la prima volta nella storia della Coppa del Mondo, tutte e quattro le partite disputate sinora (nel momento in cui scriviamo), sono durate oltre i 100 minuti.

Mondiali, ben 61 minuti di recupero accordati sinora

Il dato che balza all’occhio è la durata dei cosiddetti “extra time”. Nel dettaglio: 5 più 5 nel match inaugurale, Qatar-Ecuador; 14 più 13 in Inghilterra-Iran; 2 più 9 in Senegal-Olanda; 4 più 9 in Stati Uniti-Galles. Ma cosa c’è realmente dietro a queste “esagerazioni”, se li paragoniamo ai tempi di recupero del calcio europeo? Alle spalle di tutto ciò, vi è una presa di posizione del presidente della FIFA, Gianni Infantino.

Mondiali, Infantino: “Ridurre al minimo il tempo perso”

Il presidente della FIFA, ente a cui spetta l’egida del Mondiale, la scorsa primavera ha rilasciato un’intervista a Bein Sports, spiegando le novità di questa Coppa del Mondo d’autunno: “Bisogna fare una riflessione sul tempo effettivo di gioco. In ogni partita c’è molto tempo perso. C’è bisogno di rivedere qualcosa perché gli spettatori pagano per vedere 90 minuti di calcio, mentre le gare durano 50 minuti. Non dico di arrivare a 100 minuti, ma senza dubbio il tempo di recupero che concede l’arbitro deve essere legato strettamente ai minuti persi durante la partita”. Di qui la decisione di offrire allo spettatore più calcio giocato possibile, andando anche oltre il tempo regolamentare.

Mondiali: conviene davvero dare questo lungo recupero?

Fanno riflettere i 27 minuti totali di tempo di recupero assegnato per Inghilterra-Iran: se i 14′ della prima frazione sono giustificati nel grave infortunio alla testa del portiere iraniano Beiranvand, con uno stop totale di 12′ tra cure, ripresa del gioco e nuovo stop, i 13′ della ripresa lasciano gli spettatori interdetti, in virtù del risultato ampiamente acquisito per la formazione dei tre leoni. Lascia basiti anche il recupero di Usa-Galles: sostituzioni e rigore a parte, i 9′ della seconda frazione sono sembrati a dir poco esagerati. Va bene allungare il tempo di gioco effettivo, ma serve una legislazione puntuale e precisa che non deve essere lasciata al solo libero arbitrio degli arbitri.

Mondiali: Recuperi infiniti, le partite ora durano più di 100’, cosa è cambiato Fonte: Ansa

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...