,,
Virgilio Sport SPORT

MotoGp, incubo per Iannone: la Wada chiede una lunga squalifica

L'agenzia antidoping vuole una squalifica esemplare: la carriera del centauro è a rischio.

Il Tribunale arbitrale dello sport di Losanna ha ricevuto i ricorsi di Andrea Iannone e dell’Agenzia mondiale antidoping contro la squalifica di 18 mesi inflitta dalla Corte disciplinare della Federmoto internazionale al pilota italiano dopo la positività a un controllo in occasione del Gran Premio della Malesia 2019.

Secondo quanto si legge nel comunicato diffuso dal Tas, Iannone ha chiesto l’annullamento della sanzione, mentre la Wada, che vuole una pena esemplare, si è appellata al tribunale di Losanna affinché la squalifica del pilota italiano venga inasprita fino a quattro anni.

Nella sentenza emessa lo scorso 31 marzo, la Corte disciplinare della Fim aveva punito con 18 mesi di stop Iannone per la positività al controllo antidoping dello scorso 3 novembre in Malesia, pur precisando che il motociclista era stato vittima di una contaminazione alimentare. Il Tas non ha ancora stabilito le date dell’udienza sui ricorsi.

L’udienza finale è attesa per fine agosto: Iannone non parteciperà in questa stagione al Mondiale MotoGp, e al suo posto ci sarà il collaudatore Bradley Smith. Nel 2021 la casa di Noale potrebbe puntare su Danilo Petrucci, se Iannone non venisse assolto.

Il Ceo di Aprilia Racing Massimo Rivola a Gpone.com alcuni giorni fa si era espresso così sulla situazione: “In tutti i casi di doping le federazioni sono sempre state più veloci rispetto a quanto accaduto con Andrea. In primo giudizio al pilota hanno riconosciuto che non è stata colpa sua, ciononostante l’accusa ha chiesto quattro anni. La mia paura è che la Wada stia cercando di creare una punizione esemplare per mostrare la propria importanza e che la Fim sia spettatrice. Tutto ciò è abbastanza preoccupante, sono dell’idea che la Wada chiederà quattro anni di stop”.

SPORTAL.IT | 09-06-2020 17:37

MotoGp, incubo per Iannone: la Wada chiede una lunga squalifica Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...