SPORT
  1. Home
  2. CALCIO
  3. CHAMPIONS LEAGUE

Mourinho e Sacchi: che bordate ad Allegri e alla Juventus

I bianconeri nel mirino dei due grandi tecnici dopo l'eliminazione dalla Champions.

Arrigo Sacchi e José Mourinho hanno apertamente criticato il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri dopo l'eliminazione dei bianconeri dalla Champions League.

Calcisticamente all'opposto, l'ex allenatore di Milan e Parma e il tecnico del Triplete interista concordano su una sola cosa: i bianconeri non hanno giocato da squadra. Queste le parole di Sacchi a Sportmediaset: "La Juve ha Ronaldo, che è il più grande di tutti, ma non è bastato. Il gioco è quello che nel cinema chiamano trama, nella prosa copione e nella musica spartito. Bertolt Brecht diceva che senza copione restano soltanto improvvisazione e pressapochismo. Il gioco continua a essere centrale. Io sono stato fortunato, perché ho avuto alle spalle un club che la pensava come me, che aveva una visione a lungo termine e un'ambizione sana. Per noi una vittoria senza merito non era una vittoria. Siamo stati una squadra coraggiosa in un ambiente pauroso. Un ambiente che aveva vinto anche prima di noi, ma non da protagonista…".

Ancora l'ex allenatore di Fusignano: "Ten Hag mi piace. Mi piacciono tutti quelli che vincono con merito e coraggio. Vede, l'altra sera ho sentito alcuni suoi colleghi ma anche alcuni tra i miei ex giocatori parlare dell'eliminazione della Juve: ci fosse uno che ha fatto notare con quanti uomini l'Ajax partecipa al gioco. Mi spiego: la Juve ha tenuto sempre Bonucci e Rugani su Tadic. Sempre, anche quando il pallone lo aveva lei. Nell'Ajax Blind si staccava e avanzava davanti alla difesa per partecipare all'azione. Più uomini farai partecipare allo sviluppo del gioco e più possibilità avrai di tenere il pallone. Purtroppo il nostro è un calcio pessimista e questo ci limita. I valori ti identificano…".

"La Juventus, adesso, continua a puntare sulla qualità del giocatore più che su quella della squadra. Eppure negli ultimi 20 anni in Champions, 18 volte hanno vinto squadre che puntavano sul gioco. Un motivo, credo, ci sarà…".

Questa invece è la critica alla Juventus da parte di Mourinho: "È stata una squadra che ha permesso all’Ajax di esprimere il suo pieno potenziale. Gli hanno lasciati giocare con la qualità che hanno, con grandi giocatori giovani ma anche con esperienza in Europa League. Prima di questa partita, nessuno li ha realmente rispettati e infatti tutti li hanno lasciati giocare nel modo che preferiscono permettendogli di andare avanti e di accedere alle semifinali. Affrontare l’Ajax cercando di giocare a calcio è rischioso perché in quello sono migliori di te. Penso che arriveranno in finale e con la loro qualità possono vincere. Quando non hai qualità, devi avere un punto di vista basato sulla strategia , dai loro ciò che non vogliono avere", sono le parole del portoghese a Russia Today.

SPORTAL.IT | 19-04-2019 17:19

Mourinho e Sacchi: che bordate ad Allegri e alla Juventus
Juventus-Ajax 1-2 - Champions League 2018/2019
Fonte: Getty Images

SPORT TREND