Virgilio Sport

Nantes-Juventus, moviola: rigore per Di Maria più espulsione, nel mirino la doppia sanzione

La Juventus vince e convince in Europa League col Nantes ma non mancano gli episodi arbitrali soprattutto sul rigore più espulsione che portano al 2-0, proteste anche per il tris firmato da Di Maria

24-02-2023 10:07

Luca Fusco

Luca Fusco

Giornalista

Giornalista multimediale. Quando si accendono i motori, lui sgasa, impenna, derapa. E spesso e volentieri finisce sul podio

La Juventus torna a vincere in trasferta in campo internazionale e soprattutto a passare un turno ad eliminazione diretta. Il successo largo di ieri sul campo del Nantes ha spalancato le porte degli ottavi di finale di Europa League dei bianconeri. Partita sul velluto dopo il primo gol capolavoro di Di Maria che tuttavia ha vissuto un importante sliding doors arbitrale.

L’arbitro Jose Maria Sanchez ha fischiato un rigore più espulsione contro il Nantes, guadagnato e realizzato sempre dal Fideo, ha di fatto chiuso la partita già a metà del primo tempo. Qualcuno ha ipotizzato che il fallo di mano fosse involontario, che il rigore non ci fosse e/o che l’espulsione potesse essere eccessiva. Vediamo nel dettaglio cosa è successo alla Beaujoire.

La moviola di Nantes-Juventus, c’era il rigore su Di Maria?

Il minuto su cui focalizzare tutte le attenzioni è il 17′. Dopo aver sbloccato il risultato con una perla di rara bellezza, una sorta di tiro alla Del Piero ma fatto con sinistro, Angel Di Maria in serata di grazia, entra in area di rigore, ancora una volta dalla sinistra, cerca di superare il portiere Lafont e ci riesce grazie ad un rimpallo, con la porta spalancata ma in posizione defilata e di spalle fa l’unica cosa possibile che il suo genio gli suggerisce: un colpo di tacco. La palla sta per carambolare in porta ma nell’estremo tentativo di evitare il gol il giocatore del Nantes Pollois si sdraia per terra in “estirada”, la palla lo colpisce sul braccio a finisce fuori.

L’arbitro José María Sánchez (Spagna) non ha dubbi: è rigore! E dubbi effettivamente non ce ne sono. E’ vero che molte volte, da regolamento, interventi del genere, anche in area, non vengono sanzionati col rigore, specie quando il giocatore interviene in scivolata colpendo il pallone col braccio perchè considerati movimenti congrui con l’intervento in equilibrio precario mentre si va per terra. Ma è altrettanto vero che da regolamento un giocatore che ferma con il braccio/mano la palla che sta andando in gol va sempre sanzionato con il calcio di rigore. Quindi giusta la decisione di Sanchez.

Fonte: Getty

Nantes-Juve, rigore più espulsione Pollois: sanzione esagerata?

Nell’episodio che chiude di fatti la partita, visto che Di Maria segna poi il rigore del 2-0, c’è un’altra “punizione” contro il Nantes. Vale a dire l’espulsione di Pollois. Il Nantes ha protestato molto per questa eccessiva sanzione nei confronti del giocatore francese già punito col rigore. L’arbitro anche qui non ha avuto dubbi nell’estrarre il rosso al giocatore dei canarini. Avendo fermato un pallone diretto in gol con il braccio non poteva fare altrimenti. Giusta la doppia sanzione.

Nantes-Juve: proteste Lafont sul 3°gol Di Maria

Nonostante la partita sia stata a senso unico ci sono stati parecchi episodi degni di nota. Al 63′ sullo 0-2 ci poteva stare un altro rigore per la Juve: Castelletto rischia grosso su Kean che cade sulla sua pressione, per Sanchez non è rigore, il Var conferma ma sicuramente c’è stato un qualche contatto da dietro del giocatore del Nantes giudicato normale contrasto di gioco.

Proteste Nantes sul 3° gol della Juve con la Goal Line. Al 78′ Di Maria fa tripletta risolvendo di testa una mischia in area francese sul tiro rimpallato di Vlahovic, dopo la parata di Lafont su Alex Sandro. Lo stesso portiere ex viola respinge la palla sulla linea ma la Goal Line Technology fa suonare l’allarme al polso dell’arbitro che convalida il gol. Lafont però protesta per uno scontro precedente con Alex Sandro, per l’arbitro è tutto ok.

Fonte: Ansa

Invasione e bottiglietta in Nantes-Juve: cosa è successo

Altri due episodi degni di nota che poco hanno a che fare col calcio giocato ieri alla Beaujoire. Dopo che Di Maria realizza il rigore del 2-0 qualche tifoso del Nantes un po’ irretito dalla piega che aveva preso la partita ha pensato male di lanciare una bottiglietta in campo, raccolta da Fagioli. L’arbitro ha atteso qualche minuto per riprendere il gioco, si pensava all’ipotesi di dover ritirare il rigore, invece probabilmente ha chiesto al quarto uomo di far lanciare un messaggio allo speaker dello stadio per evitare altri episodi simili dagli spalti.

Cosa che invece è puntualmente avvenuta. Sul finire del primo tempo, al 41′ circa il classico invasore è entrato in campo, viso scoperto, maglia del Nantes e corsetta in campo prima di essere fermato dagli steward ed essere portato fuori dal rettangolo di gioco. La partita è ripresa dopo circa un minuto. Per tutti questi episodi alla fine della prima frazione sono stati 5 i minuti di recupero.

Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Lazio - Milan

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...