,,
Virgilio Sport SPORT

Oriana si tradisce e l'addio di Dybala alla Juve è più vicino

La compagna di Paulo Dybala, la cantante Oriana Sabatini, si è confidata con Gente e ha definito noiosa Torino

Come e più di una portavoce, Oriana Sabatini esterna sensazioni e opinioni che palesano il senso di disagio e una certa insofferenza per la vita torinese. Come già avvenuto in merito alla festa con cena, nella villa del compagno di squadra McKennie (le famose cene del mercoledì, in zona rossa e con annesso coprifuoco), Oriana esplicita i dettagli della vita di coppia e che cosa avviene in questa fase delicata per Paulo Dybala, in attesa di un rinnovo sempre più lontano con la Juventus, ancora senza identità.

L’annuncio di Oriana Sabatini su Dybala

“A Torino non c’è molto da fare”, ha confidato Oriana, cantante argentina figlia di Catherine Fulop e Osvaldo nonché nipote della tennista anni ottanta e novanta Gabriela Sabatini. Ai microfoni di Gente, ha raccontato di condurre una vita molto riservata e alquanto noiosa all’ombra della Mole. “Il fatto è che a Torino non c’è molto da fare. Non appena Paulo ha dei giorni liberi, andiamo da qualche parte, perché anche lui vuole fare molte cose. Anche se il programma migliore, almeno per me che non amo uscire così tanto, è Netflix con il delivery in camera”.

La giornata di Oriana Sabatini tra musica e sport

Oriana ha raccontato come organizza la sua giornata: “Prendo lezioni di boxe, cucino, leggo molto, mi godo la solitudine in giro, mi siedo al pianoforte e compongo un po’”.

Secondo la stampa argentina, Oriana e Dybala starebbero attraversando una crisi dovuta a una terza figura e la situazione di stallo del contratto con la società bianconera non gioverebbe al loro rapporto.

Il rinnovo di Dybala con la Juve che non arriva

Complice l’infortunio, l’attaccante argentino è rimasto ai margini e la sua posizione si è complicata: già in passato era stata valutata la sua cessione, ma senza avallo da parte del diretto interessato il quale a- alla fine – l’ha spuntata con la società. Ma adesso c’è da capire che tempi hanno Paratici e Nedved oltre allo stesso Pirlo. Perché, se si vuole agganciare Champions e risultati, stavolta non si potranno compiere errori di valutazione. E neanche scaricare su un capro espiatorio responsabilità.

VIRGILIO SPORT | 07-04-2021 09:27

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...