,,
Virgilio Sport SPORT

Plusvalenze Juventus, la Federcalcio accelera: spunta nuovo materiale

La Procura della Figc ha già avviato i contatti con i colleghi della giustizia ordinaria: interrogatori chiusi entro Natale, nelle intercettazioni spuntano i nomi di altri club.

30-11-2021 10:09

La Juventus prova a guardare avanti. Almeno in attesa che l’indagine sulle plusvalenze, denominata “Prisma”, proceda anche sul piano sportivo.

La bufera che sta coinvolgendo il club bianconero è scoppiata solo venerdì scorso, il giorno delle perquisizioni da parte della Guardia di Finanza presso gli uffici del club a Milano e a Torino. L’indomani è stato interrogato il direttore sportivo Federico Cherubini, subentrato in estate a Fabio Paratici, mentre lunedì il calendario degli interrogatori è ripreso con quello del neo amministratore delegato Maurizio Arrivabene.

Caso plusvalenze Juventus: Andrea Agnelli tranquillo, ma l’indagine accelera

Come specificato da Max Allegri al termine della partita persa contro l’Atalanta il presidente Andrea Agnelli, indagato al pari del vice Pavel Nedved e dello stesso Paratici, ha provato a rassicurare l’ambiente invitando tutti a lavorare, dentro e fuori dal campo, con la stessa concentrazione e la stessa passione di sempre senza farsi distrarre dall’inchiesta della Procura.

Non sarà però facile perché i tempi che la giustizia ordinaria vuole darsi sono stretti e soprattutto perché a stretto giro sembra destinata a muoversi anche quella sportiva, che può far davvero tremare la Juventus.

Indagine plusvalenze Juventus: inchiesta penale verso la chisura

Come infatti si apprende, la Federcalcio ha chiesto informazioni alla Procura sui tempi dell’’inchiesta e anche circa il materiale acquisito nella sede della Juventus durante le perquisizioni. Chiara, quindi, la volontà di accelerare sul’eventuale apertura dell’inchiesta sportiva. I Pm hanno ovviamente manifestato volontà di collaborare, dicendosi pronti a trasmettere il materiale a disposizione ai colleghi il prima possibile.

Materiale che non riguarda comunque solo la Juventus, dato che nelle intercettazioni vengono nominati almeno altri due club che hanno fatto affari con i bianconeri, ovvero l’Atalanta, per l’operazione Demiral-Romero, e il Genoa per Nicolò Rovella, operazione quest’ultima sulla quale gli inquirenti vogliono vederci chiaro relativamente alle cifre che hanno coinvolto anche due Primavera della Juventus, alla luce anche del fatto che Rovella è stato acquistato dalla Juve a poche settimane dallo svincolo dal Genoa.

“L’inchiesta penale è praticamente chiusa, ma invieremo alla procura sportiva tutti gli atti che abbiamo raccolto e non solo sulla squadra bianconera” hanno dichiarato i Pm a margine dell’interrogatorio di Arrivabene.

Indagine plusvalenze Juventus: i tempi della giustizia sportiva

Le intercettazioni sono al momento secretate e lo saranno ovviamente fino al termine delle indagini, ma i tempi sembrano poter essere piuttosto snelli, dato che entro la metà di dicembre si chiuderà la serie degli interrogatori. I prossimi in lista dovrebbero essere Paolo Morganti, segretario della Juventus, Giovanni Manna, responsabile dell’Under 23 e Cesare Gabasio, avvocato e responsabile degli affari legali del club, al quale verranno chieste informazioni sulla famosa scrittura privata riguardante Cristiano Ronaldo.

Solo nelle ultime battute dell’indagine saranno sentiti gli indagati, ovvero gli ex dirigenti bianconeri Stefano Bertola e Marco Re, il nuovo CFO Stefano Cerrato e poi Agnelli, Nedved e Paratici, ancora in attesa di ricevere la lettera di convocazione.

La Giustizia Sportiva aprirà quindi l’iter attorno a Natale: si prevede una coda d’inverno tempestosa per il calcio italiano.
 

OMNISPORT

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...