,,
Virgilio Sport SPORT

Roma, Fonseca: "Non cambia la nostra identità ma la tattica"

Domani sera alle 20.45 nel turno infrasettimanale sfida alla Fiorentina. Il tecnico giallorosso ha presentato il match

La Roma di Paulo Fonseca, reduce dalla sconfitta per 2 reti a 1 contro il Milan, sfida domani sera, 3 marzo la Fiorentina di Prandelli alle 20.45. Oggi intanto ha parlato in conferenza stampa il tecnico di giallorossi.

Per quanto riguarda chi entra dalla panchina spiega: “Non ho i numeri concreti, ma nel 70% delle volte in cui sono entrati i giocatori stavamo già vincendo e questo può condizionare i numeri. Non abbiamo fatto gol con i giocatori entrati in campo? Lo avevamo già fatto. Anche quando sono entrati col Milan hanno creato tanti. Sono numeri da cui non possiamo scappare, ma da allenatore non posso vedere le cose solo così. Devo vedere come entrano i giocatori, com’è il risultato, se l’obiettivo del momento è fare gol o no. Magari l’Atalanta hanno avuto più partite in cui i giocatori entrati dovevano cambiare il risultato. E noi non abbiamo avuto tante partite in cui dovevamo cambiare il risultato con i giocatori entrati. Magari il loro obiettivo è difendere e non attaccare. Dipende dalle circostanze”.

E poi sull’identità di squadra: “Per quanto riguarda l’identità, tutte le squadre ce l’hanno. Vediamo le più forti in Italia: ci sono 7 squadre che lottano per il 4° posto, tutte hanno identità. Tutti cambiano modo di giocare? Non mi sembra, il Milan, la Lazio, l’Atalanta, la Juventus, il Napoli giocano allo stesso modo. Quello che cambia è la strategia di ogni partita. Esempio: normalmente pressiamo alto. Contro il Milan non l’abbiamo fatto, è la strategia, ma l’identità non cambia. Le grandi squadre non cambiano, sono quelle che hanno un’identità forte. Ora abbiamo tre partite in sei giorni, c’è poco tempo per lavorare, possiamo solo recuperare. Non si può cambiare. Io non sono d’accordo nel cambiare, anche se si cambia il modulo l’identità non cambia. Chi cambia l’identità, e in Italia non le vedo, sono le squadre che se vincono va tutto bene e se perdono va tutto male e devono cambiare, ma non va bene. Le grandi squadre non cambiano identità in funzione dei risultati”.

OMNISPORT | 02-03-2021 15:27

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...