,,
Virgilio Sport

Roma, Mourinho: "La Conference è la nostra Champions"

La Roma si sta preparando per la finale di Europa Conference League con il Feyenoord, mentre Jose Mourinho punta a conquistare altri titoli europei.

21-05-2022 20:40

Roma, Mourinho: "La Conference è la nostra Champions" Fonte: Getty Images

Josè Mourinho ha dichiarato che la UEFA Conference League è la Champions League della Roma in vista della finale contro il Feyenoord, mentre non può pensare di ritirarsi.

La Roma affronta il Feyenoord, squadra della Eredivisie, nella finale inaugurale della UEFA Conference League, che si terrà mercoledì a Tirana. I giganti della Città Eterna hanno già la garanzia di giocare l’Europa League nella prossima stagione, avendo ottenuto il primo posto in Serie A con una partita di anticipo.

Mourinho vanta titoli di Champions League ai tempi del Porto e dell‘Inter, oltre a una corona di Europa League con il Manchester United. Il tecnico portoghese è determinato a mettere le mani su un altro trofeo europeo. 

“Sono un allenatore con una certa storia e la Roma è un grande club”, ha dichiarato al sito italiano della UEFA. “Ho sentito un po’ di responsabilità nel fare di questa competizione una grande competizione.

“Pian piano abbiamo realizzato la nostra ambizione di andare il più lontano possibile. Con orgoglio, abbiamo visto le semifinali giocate in stadi gremiti con un totale di 170.000 tifosi presenti.

“La Conference League è la nostra Champions League. Questo è il livello a cui siamo arrivati, la competizione per cui stiamo giocando. Il club non raggiungeva una partita del genere da molto tempo”.

La Roma non vince un trofeo dalla stagione 2007-08, quando si aggiudicò la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana, e Mourinho si aspetta che la sua rosa sia all’altezza della situazione per cercare di porre fine a questo periodo di siccità.

“Dobbiamo dimenticarlo. A mio avviso, la finale va trattata come una partita unica che porta con sé pressione, tensione e senso di responsabilità”, ha proseguito.

“Dobbiamo concentrarci solo sulla finale e sull’avversario che abbiamo di fronte, dimenticando la storia della Roma in questo momento. Ovviamente sarebbe meraviglioso vincere per la città, per il club e per tutti noi.

“Se dovessi vincere quattro trofei europei con quattro club diversi, non dimenticherò mai il primo, la Coppa delle Coppe nel 1996-97 come assistente di Bobby Robson al Barcellona. Ogni volta che mi sono seduto accanto a lui in panchina, mi sono sentito molto orgoglioso”.

“Ogni nuovo obiettivo significa più di quello precedente. Vincere il primo significa essere nel posto giusto al momento giusto. Vincere il secondo è più difficile, vincere il terzo è ancora più difficile del secondo.

“Una cosa è vincere, un’altra è raggiungere il successo e vincere continuamente per tutta la carriera”.

Indipendentemente dal risultato della finale, Mourinho insiste sul fatto che non ha intenzione di chiudere la sua carriera di manager nel prossimo futuro.

“Prima della partita del Manchester United contro il Real Madrid nel 2013, Ferguson mi invitò nel suo ufficio, che poi divenne il mio. Gli chiesi: ‘Come va, capo? Cambia nel corso degli anni?”, ha aggiunto.

“Mi rispose: ‘Non essere sciocco, non cambia nulla. Rimane tutto uguale fino all’ultimo giorno”. Ecco perché continuo a dire che non posso credere di avere 59 anni. Non posso credere di avere alle spalle una carriera di 21, 22 anni come allenatore. Non posso dirvi quando mi ritirerò, perché semplicemente non riesco a immaginarlo. La passione non cambia”.

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...