,,
Virgilio Sport SPORT

Serie A, arriva la decisione della FIGC sul Trust della Salernitana

La Salernitana ora potrebbe avere dei problemi molto più seri del previsto, che potrebbero addirittura costarle l'iscrizione al prossimo campionato di Serie A.

29-06-2021 13:05

Nonostante la conquista della Serie A sul campo, la Salernitana non è affatto certa di poter partecipare al prossimo campionato 2021-2022. Le vicende legali nelle quali è coinvolto il club di Claudio Lotito non accennano a risolversi, e intanto il tempo stringe. Un ulteriore colpo alle ambizioni del club campano arriva oggi dalla FIGC.

Quali sono i problemi della Salernitana?

Nello specifico, una norma della FIGC vieta la multiproprietà, ossia nega ad uno stesso presidente di essere titolare di più di una singola società per divisione. In questo caso, Claudio Lotito possiede già la Lazio, e dunque con la promozione in A della Salernitana verrebbe infranta questa norma. Dato che non è stata concessa allo stesso Lotito nessuna deroga speciale per ovviare a questa situazione, il Presidente biancoceleste è costretto a vendere una delle due squadre. Ovviamente la scelta è ricaduta sulla neopromossa. 

La situazione in divenire

Nella giornata di venerdì, le società proprietarie dalla Salernitana (una del figlio di Claudio Lotito, Enrico e l’altra del cognato Marco Mezzaroma) avevano presentato richiesta di Trust, ossia di messa in vendita della squadra da parte di terzi per poter salvare la permanenza in A della squadra, così duramente conquistata a suon di gol e di ottime prestazioni durante l’ultima stagione di Serie B. 

Nella giornata di oggi, tuttavia, la FIGC ha bocciato la cosa. Come riportato dall’ANSA, in anticipo rispetto alle dichiarazioni ufficiali della Federazione, che ha dato tempo fino a sabato alle 20 per risolvere i problemi.

I motivi di tale decisione

Da parte della FIGC è stato evidenziato come, “in virtù del processo di scelta delle persone componenti del trust e delle regole previste nella gestione dello stesso, non si tratti di un vero e proprio ‘blind trust’.

La FIGC rileva, inoltre, “che non è stata assicurata indipendenza economica al trust rispetto alle società disponenti”.

OMNISPORT

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...