Virgilio Sport

Serie A, caos Covid: saltano quattro partite, a rischio altre gare

Pioggia di positività in Serie A, la Asl di Torino blocca i granata. La Salernitana non parte per Venezia, anche l'Udinese ferma. Niente Bologna-Inter.

Pubblicato:

Il boom di contagi di Covid in Italia crea il caos anche nel calcio: sono già quattro le partite della ventesima giornata di Serie A, in programma giovedì, che saranno annullate dopo i provvedimenti delle Asl. Ed altre gare restano in dubbio per la pioggia di positivi che si sta abbattendo sulle rose di tutte le squadre.

Serie A: stop a Bologna-Inter e ad altre tre partite

L’Asl Città di Torino ha bloccato i granata prima della partenza per Bergamo, dove giovedì avrebbero dovuto affrontare l’Atalanta: gli otto positivi nel gruppo squadra hanno fatto scattare l’isolamento, tutto il gruppo andrà in quarantena per cinque giorni ed è a rischio anche il match di domenica con la Fiorentina.

Stesso discorso per la Salernitana: i campani hanno undici positivi nel gruppo squadra, e l’Asl ha messo in isolamento 25 persone. I granata, che avevano già chiesto alla Lega il rinvio, non si presenteranno all’Arechi per la sfida contro il Venezia.

Stop anche per Fiorentina-Udinese: focolaio Covid nella squadra friulana, con 9 persone positive finora. L’Asl ha disposto  il divieto di esercitare sport di squadra e di contatto dal 5 al 9 gennaio 2022: è a fortissimo rischio anche la gara con l’Atalanta di domenica prossima.

Niente da fare anche per Bologna-Inter, in programma alle 12.30 di giovedì al Dall’Ara. La Asl di Bologna ha disposto lo stop per la squadra rossoblu (8 positivi nel gruppo squadra), e non si presenterà quindi al Dall’Ara per il match contro i campioni d’Italia. “Vengono annullate tutte le attività agonistiche e di allenamento del Bologna”, è la comunicazione dell’Asl.

Così Simone Inzaghi si era espresso sulla questione: “C’è un clima d’incertezza che non fa bene al calcio. Abbiamo 3 positivi, il Bologna ne ha 8. Ma ci sono le autorità che decidono, sia io che Mihajlovic sappiamo che fino al fischio d’inizio dobbiamo essere pronti a qualsiasi cosa. In questi due anni ci è capitato spesso, ma è una cosa che coinvolge tutte le squadre. Ci hanno detto che domani si gioca, la Supercoppa pure e giocheremo di volta in volta”.

Serie A: confermata Juve-Napoli, ma tre azzurri esclusi

Il big match Juve-Napoli, in dubbio per il focolaio nella squadra azzurra, si dovrebbe invece disputare regolarmente. La sfida era considerata a rischio dopo i casi degli ultimi giorni soprattutto in casa Napoli, dove oltre al tecnico Spalletti sono attualmente positivi Osimhen (bloccato in Nigeria), Lozano, Malcuit, Mario Rui, Meret, due membri dello staff e un magazziniere. Il Napoli è quindi partito per Torino, ma non potrà utilizzare Zielinski, Lobotka e Rrhamani: i tre giocatori hanno avuto contatti stretti con positivi e non si sono ancora sottoposti alla terza dose.

Questa la nota dell’Asl: “In merito all’accertato focolaio di positività al Covid-19 relativo alla SSC Napoli, l’ASL Napoli 1 Centro rende noto che alla conclusione dell’indagine epidemiologica è stata confermata la presenza di diverse positività, anche nell’ambito del gruppo squadra, e che per tutti i soggetti risultati positivi è stato disposto l’isolamento”.

“Per i contatti stretti individuati è invece stato disposto il rispetto di quanto previsto al punto 1 della Circolare del Ministero della Salute n°60136 del 30.12.2021. È stato inoltre ribadito alla Società Calcio Napoli che il gruppo squadra, alla luce dell’acclarato focolaio di positività che tra l’altro presenta un continuo trend di casi positivi, dovrà attenersi scrupolosamente al massimo rispetto delle norme di contenimento e riduzione del rischio. La Società Calcio Napoli, alla luce del sopracitato focolaio e nel principio della massima cautela, provvederà a valutare ogni altra misura preventiva/restrittiva utile ad impedire la diffusione del contagio”.

Covid, Antonio Cassano ricoverato a Genova

Solo uno spavento ma nessun pericolo per Antonio Cassano, ricoverato nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova per complicazioni causa Covid: “Mi sono preso un bello spavento, ma è andata bene. Sono contento di poter tornare a casa”.

Così il professor Matteo Bassetti: “Lui ha fatto 2 dosi di vaccino e quindi non ha avuto una polmonite bilaterale interstiziale. Cassano si è sentito poco bene e si è molto preoccupato. Ma in un paio di giorni si è risolto tutto. Ovviamente la presa in carico diretta non è uno scrupolo che abbiamo per i vip. Da quando c’è il fast track abbiamo preso in carico oltre 1000 persone”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...