Virgilio Sport

Serie A, Milan: costruire le fondamenta future, indispensabile il rinnovo dei senatori

Grande euforia ha portato il pareggio di Old Trafford contro lo United. Il Milan sta lentamente risorgendo, ma per fare l'ultimo step sono fondamentali alcune considerazioni.

Pubblicato:

C’è poco da dire: il Milan di Stefano Pioli è tornato ad essere una grande squadra, con giocatori degni di indossare questa maglia e questi gloriosi colori. La partita contro lo United ha sublimato un percorso di crescita che, con o senza Ibra, sta continuando ininterrotto da oltre un anno, e manca davvero poco per arrivare a toccare una nuova dimensione di grandezza, quella dell’élite europea. 

Per fare ciò ci sono alcune condizioni che dovranno essere soddisfatte. Prima di tutto, tornare in Champions League è fondamentare. Arrivare tra le prime 4 Italiane garantisce soldi, prestigio e morale per costruire qualcosa di duraturo. Secondariamente, sarà necessario non lasciarsi sfuggire tutti quei giocatori che si stanno mettendo in mostra.

Si perchè, se il palcoscenico europeo è un toccasana per il prestigio di una squadra, dall’altro ha lo svantaggio di mostrare a tutti i giocatori migliori, che dunque sarà più difficile trattenere. Nello specifico, stiamo parlando di Franck Kessié, che certamente non sta passando inosservato agli Scout delle big europee, specialmente dopo la prova dell’Old Trafford.

I suoi miglioramenti nel centrocampo a 2 di Pioli sono evidenti, e la dirigenza rossonera ha la necessità di muoversi in fretta per evitare di perderlo. Su di lui, e su pochi altri, il Milan deve sforzarsi di ripartire, anche se questo volesse dire rinunciare ad un bel po di soldi.

Proprio i Red Devils, oltre che l‘Arsenal di Mikel Arteta, avrebbero messo nel mirino il giocatore, il cui cartellino vale attualmente circa 50 milioni di euro. Questa è una prima offerta da parte di due club che potrebbero sborsare molto di più. Tuttavia, come riporta l’edizione odierna della  Gazzetta dello Sport, l’intenzione di Maldini e Massara è quella di blindare saldamente l’ivoriano al Milan, proponendogli un un rinnovo di contratto fino al 2026 con ingaggio di 3 milioni (rispetto agli attuali 2,2). È ovvio che, da altre parti, potrebbe guadagnare molto di più, ma Franck crede nel progetto Milan ed è legato ai colori, esattamente come Gigio Donnarumma, il cui procuratore Mino Raiola sta da mesi trattando il rinvio ma, per ragioni puramente economiche, non è ancora arrivato. 

Anche Gigio è uno di coloro da cui il Milan deve per forza ripartire, e con ogni probabilità un accordo verrà trovato, non senza qualche sacrificio in sede di bilancio.

Serie A, Milan: costruire le fondamenta future, indispensabile il rinnovo dei senatori Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...