Virgilio Sport

Sinner in finale agli Australian Open dopo ko Djokovic: che lezione quel sorriso (e le parole) davanti alle telecamere

Sinner sorride dopo la storica finale conquistata a Melbourne: "E' stata una partita durissima. La tattica non la svelo, ci troveremo di fronte altre volte... La fiducia è altissima dal finale dello scorso anno, ho imparato tanto dalla sconfitta di Wimbledon contro Djokovic". In finale con il sorriso

Pubblicato:

Ci sono quei facili entusiasmi che svaniscono con il confronto con la realtà e quelli che sono confermati dalla determinazione, dall’impegno e dalle qualità tennistiche di Jannik Sinner che ha dimostrato, come e più, contro Djokovic di sapere trovare la concentrazione e la mentalità. Lo aveva anticipato il suo coach, Simone Vagnozzi, che lo avrebbe raggiunto questo obiettivo.

E noi tutti ci abbiamo sperato, anche se gli Australian Open non sono cosa semplice, anche se forse questa non la piazza migliore per lui. Ma Jannik è già unico e promette bene anche ai microfoni.

La storia per Sinner e l’Italia

Sulla Rod Laver Arena, è caduto il ‘mostro’ Novak Djokovic, l’ultimo dei big three in grado di mutare ancora il senso e l’indirizzo di un match con il suo tennis. E poi qui, statistiche alla mano, Djoko ha sempre primeggiato, ha dato spettacolo e regalato meraviglie.

“E’ stata una partita durissima. Ho iniziato benissimo nei primi due set, Nole ha sbagliato tanto. Ho mancato un match point nel 3°, ma volevo essere pronto per il set successivo. Ho iniziato alla grande il 4° e non vedevo l’ora di giocare questa partita. Avevo perso con Nole a Wimbledon, ho imparato da quella partita. Fa parte del mio processo di crescita. Giochiamo in modo simile, la risposta è il nostro punto forte. Cercavo di far partire lo scambio, non dico le tattiche perché ho la sensazione che faremo qualche altra partita contro”.

Il primo incontro con Nole

Poi l’aneddoto quasi storico, per questo ragazzino di San Candido e che risale alla sua giovinezza quando l’incontro con Nole si era consumato in modo quasi amichevole:

“Mi ero allenato con Djokovic quando avevo 17 anni, cercavo di imparare dai migliori. Mi aveva consigliato di essere imprevedibile, di migliorare il servizio ma ho la sensazione di poter migliorare ancora. Volevo essere preparato, dallo scorso anno la fiducia è altissima ed ero sicuro di poter giocare contro i migliori del mondo”.

Il massimo nella finale, in campo con il sorriso

Diciamo che non mancherà quella verve e quel carattere che abbiamo imparato a conoscere di Sinner, attraverso questi anni di crescita e maturità.

“Scenderò in campo con il sorriso e darò il massimo nella mia prima finale Slam. Zverev o Medvedev? La guarderò, mi piace guardare il tennis e la guarderò tranquillo. Sono 2 giocatori incredibili, sarà interessante. Vediamo chi affronterò domenica. La mia famiglia è a casa e starà a casa: saluto tutti i tifosi italiani, buongiorno! Abbiamo anche la finale di doppio ed è bello essere ancora in corsa”.

Dopo la vittoria su Nole, scendono in campo Zverev e Medvedev, gli altri due semifinalisti di questa edizione 2024 degli AO in cerca di un posto lì, nell’Olimpo del tennis mondiale. Jannik si sta facendo posto e questa finalissima, la prima per lui di un Grande Slam, è sono l’inizio.

VIRGILIO SPORT

Tags:

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...