Virgilio Sport

Svizzera, Dzemaili: "Mancava l’ultimo tassello, ora non ci poniamo limiti"

"L'Italia di Mancini è la squadra più forte, ma noi a questo punto non ci poniamo limiti"

Pubblicato:

Svizzera, Dzemaili: "Mancava l’ultimo tassello, ora non ci poniamo limiti" Fonte: Getty Images

Blerim Dzemaili, ex centrocampista della Svizzera, in una intervista a La Gazzetta dello Sport ha esaltato il camino della sua nazionale, che oggi affronta la Spagna nei quarti di finale, a Euro 2020.

“Da anni si vede la qualità di questo gruppo. Negli ultimi tornei siamo stati sempre lì, mancava solo l’ultimo passo. Certo, le prime due prestazioni non erano state all’altezza della situazione, ma poi la squadra si è sbloccata”.

Un passo indietro e due parole sull’incredibile match contro la Francia: “Non avevamo niente da perdere e già prima del match ero convinto che avessimo delle possibilità. La Francia non mi aveva mai convinto ed ero fiducioso. Ovviamente la squadra di Deschamps restava favorita, ma la Svizzera non mi sembrava battuta in partenza. E infatti…”

Adesso però c’è da affrontare una nuova potenza del calcio europeo, ovvero la Spagna di Luis Enrique. “La capacità di rendere inoffensivo il possesso della Spagna e di organizzare una manovra pericolosa quando la palla ce l’avremo noi. Ci sarà un po’ di stanchezza, entrambe le squadre hanno giocato 120’ negli ottavi. Sono curioso di vedere la soluzione scelta da Petkovic per la sostituzione dello squalificato Xhaka, che ha una personalità pazzesca e dà i tempi di gioco a tutti  i compagni. Spero di vederlo in Italia: leggo di un interessamento della Roma, sarebbe un arricchimento per tutta la Serie A”.

Dall’alto della sua esperienza un commento sullo stile di gioco della Svizzera: ” la mentalità di questo gruppo. Fino a un paio d’anni fa giocavamo con il 4-2-3-1, poi siamo passati al 3-4-1-2 che probabilmente è più adatto alle caratteristiche dei calciatori. La rosa attuale ha talento e anche quel pizzico di incoscienza che ti fa dare il massimo contro avversari che in teoria potrebbero intimorirti”.

Infine, dopo tanti anni passati in Italia, non poteva mancare un commento sugli Azzurri: “Adesso non ci poniamo limiti. L’Italia è la squadra più forte, ha saputo schivare le trappole degli ottavi a differenza di altre favorite. Mi ha sorpreso molto la crescita degli azzurri: non c’è un numero 10 eccezionale come Totti o Del Piero, ma tutti i giocatori danno il massimo. Un calcio davvero bello, merito di Mancini”.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...