,,
Virgilio Sport

Arbitri, si cambia: cinque nuovi in A, sei bocciati. Rivoluzione Var

La prossima stagione vedrà grandi cambiamenti, a cominciare dalla promozione in massima serie, per la prima volta, di una donna: Maria Sole Ferrieri Caputi.

04-07-2022 11:39

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Giornalista per vocazione e innamorato di tutti gli sport, ha collaborato con numerose agenzie, quotidiani, radio e tv. Su Virgilio Sport scrive soprattutto di Calcio: esperto scandagliatore del mondo social dei tifosi, è diventato anche un “giudice” accurato delle sviste arbitrali

Venerdì scorso, 1 luglio, l’Associazione Italiana Arbitri ha ufficializzato i quadri per la prossima stagione. Dentro cinque giovani fischietti, tra cui la novità di Maria Sole Ferrieri Caputi, prima donna promossa in serie A e B, fuori sei direttori di gara che, per vari motivi, non sono stati confermati. Ma la prossima stagione vedrà importanti novità anche sotto il profilo della comunicazione e, soprattutto, dell’utilizzo del Var.

Arbitri: chi sono i promossi e i bocciati in serie A

Sono cinque i nuovi arbitri promossi dalla Can C e dunque arruolabili per le partite della massima serie: Ermanno Feliciani della sezione di Teramo, Maria Sole Ferrieri Caputi della sezione di Livorno, Matteo Gualtieri di Asti, Daniele Perenzoni di Rovereto e Daniele Rutella della sezione di Enna. I sei “bocciati”, invece, sono Eugenio Abbattista di Molfetta, Antonio Di Martino di Teramo, Piero Giacomelli di Trieste, Valerio Marini di Roma, Fabrizio Pasqua di Tivoli e Ivan Robilotta di Sala Consilina.

AIA, Trentalange: “L’ultima stagione è stata buona” 

Per il presidente dell’AIA Alfredo Trentalange il bilancio dell’ultimo campionato è stato “positivo, ma senza fare trionfalismi. Alcuni errori ci sono stati, ma siamo ottimisti e siamo convinti di poter far meglio”. In realtà non è andata così bene, se si pensa all’ampio scarto tra la classifica reale e la classifica depurata dalla sviste arbitrali. Alcune squadre hanno pagato un dazio pesante per le decisioni sbagliate dei fischietti, non adeguatamente supportati dalla sala Var. La prossima stagione dovrebbe vedere dei cambiamenti, soprattutto da questo punto di vista.

Var, cambiano il responsabile e i tipi di intervento

Anzitutto, l’atteggiamento del Var sarà uniformato agli standard europei e internazionali: meno interventi da Lissone, più centralità all’arbitro in campo, richiamato al monitor solo per sviste davvero evidenti e clamorose.  Il nuovo responsabile del Var, Gervasoni, è inoltre molto vicino al designatore Rocchi, a differenza del suo predecessore Stagnoli. Trentalange, tra le altre cose, ha ribadito infine che gli arbitri “presto parleranno”. Si tratta però di un ritornello che il capo delle giacchette nere ripete da tempo, senza che poi agli auspici abbiano fatto seguito i fatti.

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...