Virgilio Sport

Ciclismo, morto Sante Gaiardoni, l'eroe di Roma 1960: lui e Maspes erano i "Coppi e Bartali delle piste"

Ciclismo in lutto per la scomparsa, a 84 anni, della doppia medaglia d'oro ai Giochi di Roma nella velocità e nel Chilometro: Sante Gaiardoni si candidò pure a sindaco di Milano.

30-11-2023 17:28

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

Il mondo del ciclismo piange Sante Gaiardoni. L’eroe dell’Olimpiade di Roma del 1960, vero e proprio mito dello sport italiano, si è spento a 84 anni a Motta Visconti, la località in provincia di Milano dove si era trasferito nel 2020 in seguito alla scomparsa della moglie Elsa Quarta, cantante, per stare vicino all’unica figlia: Susy. La notizia della sua morte ha profondamente scosso sportivi e appassionati, soprattutto quelli che ricordano le sue straordinarie imprese ai Giochi del ’60.

Gaiardoni, uno dei pistard più forti di sempre

Nato il 29 giugno 1939 a Villafranca di Verona, Gaiardoni fu uno dei simboli della grande stagione del ciclismo su pista. I suo duelli col milanese Antonio Maspes furono equiparati a quelli che qualche anno prima avevano infiammato il ciclismo su strada tra Coppi e Bartali. Campione d’Italia del tandem ad appena 18 anni, nel 1957, concesse il bis nel 1958. Ma fu all’Olimpiade romana che Gaiardoni conquistò fama, gloria e medaglie.

La doppia medaglia d’oro all’Olimpiade di Roma

Sante, all’epoca appena 21enne, fu l’unico italiano a vincere due ori nell’edizione “casalinga” dei Giochi. Riuscì a trionfare nella velocità e nel Chilometro, facendo registrare in entrambi i casi due primati mondiali, gli 11” netti sui 200 metri lanciati e 1’07”27 nel Chilometro con partenza da fermo, alla media di 53,493 chilometri orari. Sulla scorta di quel doppio, clamoroso exploit, Gaiardoni sarebbe passato al professionismo, dando vita alla clamorosa rivalità con Maspes.

Gaiardoni e Maspes, i signori delle piste: che sfide

Dieci anni di sfide, di duelli capaci di infiammare le folle. Elegante e stilisticamente impeccabile Gaiardoni, più scaltro e smaliziato Maspes, classe 1932, sette anni più “vecchio”. Nel 1962 il Mondiale se lo prese Maspes, nel 1963 toccò a Gaiardoni. Che in seguito ai Mondiali avrebbe conquistato altri due argenti e due bronzi, prima di ritirarsi nel 1971. Successivamente ha aperto un negozio di biciclette in zona Lorenteggio. Nel 2006 si è candidato a sindaco di Milano, da solo, senza essere eletto. Oggi la notizia della scomparsa, un brutto colpo per il ciclismo italiano su pista.

Ciclismo, morto Sante Gaiardoni, l'eroe di Roma 1960: lui e Maspes erano i "Coppi e Bartali delle piste" Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...