Virgilio Sport

Davis Cup, l'Italia debutta l'11 settembre col Brasile: il nodo Sinner e il possibile ritorno di Berrettini

Ufficiale il programma del girone di Bologna: l'Italia debutta col Brasile, poi Belgio e Olanda. Soliti dubbi legati alla presenza di Sinner, ma Volandri ha una coperta più lunga.

Pubblicato:

Roberto Barbacci

Roberto Barbacci

Giornalista

Giornalista (pubblicista) sportivo a tutto campo, è il tuttologo di Virgilio Sport. Provate a chiedergli di boxe, di scherma, di volley o di curling: ve ne farà innamorare

Una sensazione ritrovata dopo 47 anni. Tanto è passato dall’ultima volta in cui l’Italia del tennis s’è affacciata alla Davis Cup come detentrice del trofeo: è successo solo nel 1977, accadrà nuovamente il prossimo 11 settembre quando a Bologna la selezione guidata da Filippo Volandri farà il suo esordio nel group stage affrontando il Brasile. Lo ha stabilito il sorteggio effettuato nella mattinata odierna nella sede dell’ITF, che ha posto l’Italia ancora una volta come logica favorita nella rincorsa all’ambita insalatiera d’argento.

Il calendario dell’Italia: si chiude con l’Olanda

L’Italia è stata inserita nel gruppo A assieme a Brasile, Belgio e Olanda. Non un girone propriamente semplice, dove a qualificarsi saranno le prime due formazioni che otterranno il maggior numero di punti nel round robin (cioè affrontando tutte le squadre impegnate).

Contro i brasiliani l’esordio è in programma mercoledì 11 settembre alle ore 15, mentre la seconda gara contro il Belgio andrà in scena venerdì 13 settembre, sempre alle 15. L’ultimo match, che sarà anche quello che chiuderà il programma del girone bolognese, sarà contro l’Olanda domenica 15 settembre alle 15.

E proprio quest’ultima sfida, salvo sorprese, sarà quella che metterà di fronte le due più logiche favorite per il passaggio del turno, ricordando anche il match dei quarti di finale della final eight di Malaga dello scorso novembre, quando gli azzurri s’imposero per 2-1 in rimonta grazie al successo di Sinner su Griekspoor e quello del doppio composto ancora da Sinner e da Sonego contro Koolhof e Griekspoor (ininfluente il ko. iniziale di Arnaldi contro van de Zandschulp).

Gli altri gironi: si gioca anche in Cina (senza i cinesi)

La formula, inalterata rispetto alla passata edizione, vedrà le 16 migliori selezioni affrontarsi in quattro gironi da 4 squadre ciascuno. A Valencia scenderà in campo l’Australia, finalista della passata edizione, ospite della Spagna e opposta anche a Francia e Repubblica Ceca.

A Zhuhai, nonostante l’assenza della selezione cinese (che fatica a trovare tennisti in grado di emergere), scenderanno in campo USA, Germania, Cile e Slovacchia. A Manchester sarà la Gran Bretagna a ospitare l’ultimo girone assieme a Canada, Finlandia e Argentina. Da qui usciranno le 8 formazioni che si giocheranno la coppa a Malaga dal 19 al 24 novembre, con l’Italia decisa a puntare al bis.

Sinner, il solito dilemma: ci sarà a Bologna?

Sebbene manchino 5 mesi all’appuntamento, la biglietteria dell’evento che sarà ospitato alla Unipol Arena di Casalecchio di Reno è già in fermento. Molta della curiosità riguarderà la presenza o meno nella selezione italiana di Jannik Sinner: lo scorso anno a settembre fece rumore la sua rinuncia a rispondere alla chiamata di Volandri, dettata dalla necessità di riposare dopo le fatiche estive accumulate tra le vittorie di Toronto e i tornei di Cincinnati e Flushing Meadows.

Una decisione che fece gridare allo scandalo, spazzata via poi dalla strepitosa campagna d’autunno del tennista di San Candido, capace di scalare posizioni nel ranking, vincere tornei (Pechino e Vienna), raggiungere la finale alle ATP Finals e trascinare poi i compagni a Malaga nella fase finale della Davis.

Il problema, c’è da crederlo, si ripeterà anche quest’anno, tenuto conto che l’estate sarà ancora più ricca di impegni, con Sinner impegnato anche nel torneo olimpico (dove non ha nascosto il desiderio di voler puntare a una medaglia) e poi sul cemento americano.

Le carte di Volandri: Berrettini è di nuovo un jolly

Se la presenza dell’attuale numero due del mondo andrà verificata soltanto a ridosso dell’evento, certamente Volandri una base da cui ripartire ce l’ha. Intanto i due Lorenzo (Musetti e Sonego) e pure Matteo Arnaldi, che continua a mandare segnali di crescita e un rendimento costante. Con Luca Nardi e Flavio Cobolli che a loro volta continuano a mandare segnali, ma soprattutto con Matteo Berrettini che potrebbe realmente rappresentare una carta “pesante” da giocare.

Senza dimenticare che in doppio Bolelli e Vavassori stanno giocando tanto assieme e sono diventati una delle coppie di riferimento del circuito. Chiaro che se ci fosse Sinner si andrebbe decisi sul doppio con Sonego, che ha già dato ottimi risultati in passato e che anche in ottica olimpica diventa una possibilità. Insomma, ampia scelta e tanta voglia di ripetere la cavalcata 2023.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...