Virgilio Sport

Derby Lazio-Roma, bufera su Romagnoli dopo sfottò a Mourinho e Mancini 

Dopo il successo il centrale biancoceleste ha preso in giro il tecnico portoghese e poi è andato a esultare davanti allo spogliatoio giallorosso, scatenando la reazione del difensore 

Pubblicato:

Fabrizio Napoli

Fabrizio Napoli

Giornalista

Giornalista professionista, per Virgilio Sport segue anche il calcio ma è con la pallanuoto che esalta competenze e passioni. Cura la comunicazione di HaBaWaBa, il più grande festival di waterpolo per bambini al mondo

Dopo il fischio finale che ha sancito la vittoria della Lazio sulla Roma, la battaglia del derby si è trasferita dal campo alla pancia dell’Olimpico. Tra i protagonisti il difensore biancoceleste Alessio Romagnoli che prima ha surriscaldato l’ambiente con una provocazione davanti alle telecamere nei confronti di José Mourinho e poi è andato vicino ad innescare una rissa negli spogliatoi, esultando davanti a quello della Roma e suscitando così la reazione di Gianluca Mancini.

Lazio, lo sfottò di Romagnoli a Mourinho

Non sono bastati i cartellini rossi esibiti dopo il 90’ dall’arbitro Massa, che dopo avere espulso il giallorosso Ibanez al fischio finale ha provato a placare gli animi dei giocatori di Lazio e Roma espellendo anche Marusic e Cristante. Nel post-derby la battaglia tra biancocelesti e giallorossi è proseguita nella pancia dell’Olimpico.

A surriscaldare ulteriormente l’ambiente sono arrivate le parole di Alessio Romagnoli, difensore della Lazio che nel commentare il successo biancoceleste ha preso in giro José Mourinho. “Non ci sarà un terzo derby per la Roma se non sbaglio, giusto?” ha detto Romagnoli, parafrasando le parole del tecnico portoghese che prima della partita aveva ricordato la doppia eliminazione della Lazio da Europa e Conference League (“non avranno una terza competizione europea?”, aveva detto Mou).

Lazio, la provocazione di Romagnoli e la rissa sfiorata

Lo stesso Romagnoli ha poi quasi innescato una rissa negli spogliatoi, secondo quanto raccontato dalla Gazzetta dello Sport. Dopo la gara, il difensore della Lazio è andato a festeggiare la vittoria nel derby davanti allo spogliatoio della Roma: “Ora non parlate più?”, la sua frase rivolta ai giocatori giallorossi. Il primo a reagire è stato Gianluca Mancini, che è uscito completamente nudo dallo spogliatoio per insultare Romagnoli.

Il presidente della Lazio Claudio Lotito sarebbe intervenuto per separare i due, ma nella situazione di caos sarebbe stato coinvolto anche Mourinho: l’allenatore era squalificato, ma era stato autorizzato a raggiungere gli spogliatoi. I due stavano per arrivare alle mani quando sono stati divisi dal g.m. giallorosso Tiago Pinto. Situazione simile si è poi ripetuta poco più in là tra il centrocampista della Lazio Luis Alberto e Foti, secondo di Mourinho.

Bufera sul web per Romagnoli e Mancini

La rissa s’è poi trasferita sul web, dove tifosi della Lazio e della Roma hanno preso posizione per difendere i giocatori della propria squadra. “Romagnoli parla pure, hanno vinto per caso…”, protesta il giallorosso Faby. “Romagnoli non sei nessuno, meglio se taci”, aggiunge Byby. “I giocatori che sono stati buttati via da Trigoria come spazzatura, per poi finire alla Lazio, dovrebbero almeno tenere la bocca chiusa”, scrive Sinen ricordando gli inizi di Romagnoli proprio nelle giovanili della Roma.

Per i laziali, invece, nel mirino ci sono Mourinho e Mancini. “Personaggi pessimi come Mourinho penso attualmente non ce ne siano in Serie A. Forse giusto Mancini, che tra l’altro è un suo giocatore”, attacca su Twitter Luca. “Noi ci ridiamo, ma Mancini è un caso clinico. Da studiare psicologicamente”, commenta Alessio. “Se non giocasse a calcio Mancini sarebbe un teppistello di strada”, aggiunge Nick. “Sì ma prima o poi lo trova qualcuno che lo concia per le feste”, la chiosa di Mario.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...