Virgilio Sport

Di Bello, dalle critiche di Berlusconi agli abbagli di quest’anno: un mese di stop

L'arbitro di Brindisi nel mirino dopo Lazio-Milan ma da due anni sta commettendo errori gravi, in questa stagione il pasticcio in Juventus-Bologna

Pubblicato:

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Era il big-match di giornata assieme a Napoli-Juventus, era uno scontro diretto in chiave Champions che giungeva peraltro in un momento particolarmente delicato per le due squadre: facile intuire che Rocchi abbia pensato a lungo a chi mandare all’Olimpico per Lazio-Milan ma col senno di poi (e non solo) si può dire che ha commesso un errore. La prova di Di Bello è stata bocciata da tutti: moviolisti, ex arbitri e tifosi. Sui giornali i voti del fischietto brindisino vanno dal 3 al 5 ma non è proprio la prima volta che Di Bello entra nel mirino della critica.

L’attacco di Berlusconi a Di Bello

Se ieri è stato Lotito ad inveire contro l’arbitro, l’anno scorso fu Silvio Berlusconi ad andare giù pesante contro Di Bello. Il presidente a inizio stagione, dopo la sconfitta contro l’Udinese, fu lapidario: “Gli altri erano in 12, c’era l’arbitro con loro. Un arbitraggio scandaloso. Come si chiama l’arbitro, Di Bello? Dovrebbe chiamarsi Di Brutto”.

I precedenti negativi di Di Bello

Anche questa stagione era iniziata malissimo per Di Bello. L’errore più clamoroso in Juventus-Bologna quando nè lui nè il Var Fourneau videro un netto fallo da rigore di Iling Junior su Ndoye, al 71′. Dopo quell’episodio Di Bello fu fermato da Rocchi per 36 giorni ed ancora stavolta ci si aspetta almeno un mese di stop per il fischietto pugliese. Non era stata però quella ai danni del Bologna l’unica svista stagionale di Di Bello. Tra le numerose prove deludenti si ricorda quella in Napoli-Verona, quando non vide un penalty clamoroso su Kvara o ancora in Verona-Juve, quando ignorò una gomitata di Gatti a Folorunsho.

I precedenti di Di Bello con la Lazio

Relativamente alla Lazio, poi, sono davvero numerose le gare in cui i biancocelesti si sono lamentati di Di Bello. Durante la partita Sassuolo-Lazio 0-2 del 21 ottobre 2023, Di Bello ha espulso Provedel per aver bloccato il pallone fuori dall’area di rigore, nonostante il rivedere l’azione grazie al VAR avesse dimostrato che il portiere si era spinto solamente fino alla riga dell’area.Nel match Lazio-Juventus 2-1 del 8 aprile 2023, Di Bello ha ignorato una lunga lista di errori a danno della Lazio includendo un pareggio irregolare da parte di Rabiot e mancati rossi per Cuadrado e Locatelli.

Nel match Napoli-Lazio 5-2 del 22 aprile 2021, Di Bello ha negato un rigore alla Lazio per un chiaro fallo di Hysaj su Lazzari, e ha inoltre concesso un rigore al Napoli per un fallo di Milinkovic su Manolas in area laziale.

Stefano De Grandis durissimo su Di Bello

A bocciare la prova di ieri di Di Bello anche Stefano De Grandis. L’opinionista di Sky Sport ha sentenziato contro l’arbitro: “Chi è inadeguato resti a casa. Se al 94esimo un giocatore generoso come Guendouzi subisce una trattenuta reiterata, dopo aver corso tantissimo, in 9 uomini contro 11 e dopo dà una spinta all’avversario, non puoi mandarlo fuori. Quante giornate di stop dobbiamo dare a Di Bello adesso? O lo mandiamo in Serie B o sta fermo più giornate di Guendouzi che non so quante giornate di qualifica prenderà”.

Fioccano le reazioni: “Di Bello, è in assoluto l’arbitro più scarso del campionato Italiano. Comunque abbiamo assistito ad uno degli spettacoli più OSCENI offerto dalla Lega Serie A” e poi: “Va bene adesso Di Bello sarà fermato, ma a noi chi ce li da indietro i punti persi e i 3 squalificati che perderemo per le prossime partite? Questa partita compromette pesantemente un campionato già difficile! La società deve fare un gesto estremo”

C’è chi osserva: “Sento parlare di incapacità. No. L’arbitraggio di Di Bello in Lazio-Milan è da ufficio inchiesta.Tutto è stato voluto. Il Milan doveva vincere e la Lazio dove essere calpestata, a piedi uniti, a casa sua,per una guerra in cui noi Tifosi laziali non c’entriamo nulla. Vergognatevi!” e infine: “L’arbitraggio di Di Bello é qualcosa di assurdo. Mai vista roba del genere. Dire vergognoso è poco. Sarebbe da radiazione immediata. Invece lo premieranno pure”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...