Virgilio Sport

F1, budget cap: Wolff attacca la Red Bull, Marko punzecchia la Ferrari

La violazione inferiore al 5% del tetto dei costi nel 2021 del team austriaco continua a suscitare reazioni contrastanti dai protagonisti del Circus iridato.

Pubblicato:

La FIA ha ormai certificato la violazione entro il 5% del budget cap da parte della Red Bull nella stagione 2021. Una vicenda che sta continuando a gettare ombre sul titolo deciso all’ultimo giro di Abu Dhabi, proprio nei giorni in cui Max Verstappen sta festeggiando già il suo secondo mondiale. Le sanzioni non sono ancora arrivate, ma le reazioni da parte dei protagonisti top team non si fermano affatto.

L’attacco alla Red Bull di Wolff

Ferrari e Mercedes stanno marciando compatte in questa vicenda che riguarda la Red Bull. E Toto Wolff è tornato così sulla questione a planetf1.com: “È una violazione minore, ma credo che la definizione non sia corretta. Se si spendono cinque milioni in più rispetto al limite, l’impatto sul campionato è notevole”.

“Nel 2021 e nel 2022 ci sono due top team che si equivalgono e un altro che spende di più – ha detto senza mezzi termini il Ceo Mercedes -. Sappiamo quanto spendiamo: tre milioni e mezzo all’anno in componenti che portiamo in macchina. Quindi si può capire che differenza fa spendere altri 500mila dollari”.

La risposta piccata di Marko

La Red Bull è dal canto suo convinta di essere innocente e la linea è stata confermata dalle parole del consulente Helmut Marko a F1-Insider: “Non voglio dire troppo, solo che noi crediamo ancora di non aver infranto la regola del cost cap. Le discussioni con la FIA sono in corso. Vediamo cosa ne uscirà alla fine”.

“Le voci per cui Max potrebbe perdere il titolo vinto nel 2021 sono del tutto assurde – ha aggiunto un seccato Marko -. Nel passato anche violazioni estreme sono state punite molto lievemente dalla FIA“. Il riferimento è all’accordo segreto fra Federazione e Ferrari sulle power unit usate da Maranello nel 2019.

I possibili scenari sul budget cap

Una volta accertata la violazione del budget cap da parte della Red Bull, adesso l’attesa si è tutta spostata su quali sanzioni verranno comminate dalla FIA al team di Milton Keynes. La Mercedes, sotto sotto, spera che il titolo 2021 passi d’ufficio nelle mani di Lewis Hamilton, ma sembra davvero improbabile.

Ci potrebbe essere una decurtazione di punti nella classifica costruttori, dove comunque la Red Bull è arrivata secondo lo scorso anno. Molto più probabili la riduzione del budget cap per il 2023 o le limitazioni agli sviluppi. La Red Bull potrebbe poi patteggiare con la FIA per una multa, senza subire ulteriori danni.

F1, budget cap: Wolff attacca la Red Bull, Marko punzecchia la Ferrari Fonte: Getty Images

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...