Virgilio Sport

F1, Montezemolo all'attacco della Ferrari: coccola Leclerc e allontana Lukaku dalla Juve

Luca Cordero di Montezemolo spera nella riconferma di Leclerc ma boccia la Ferrari: "Non si può festeggiare per un terzo posto". No secco a Lukaku: "Neanche in foto..."

Pubblicato:

Domenico Esposito

Domenico Esposito

Giornalista

Da vent’anni in campo e sul campo per vivere ogni evento in tutte le sue sfaccettature. Passione smisurata per il calcio e per la sfera di cuoio. Il pallone è una cosa serissima, guai a dirgli di no

Lui, che ha vissuto gli anni d’oro della Ferrari da direttore sportivo prima o poi da presidente per oltre quattro lustri, proprio non riesce ad accettare il declino del Cavallino. Già, in una lunga intervista rilasciata al rilasciata al Quotidiano Nazionale in occasione dei 35 anni dalla scomparsa di Enzo Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo non le manda certo a dire: critica quella che oggi è diventata la Rossa, porge una carezza a Leclerc e ne ha anche per Lukaku. Perché il calcio, anzi la Juventus, è l’altra sua grande passione.

L’attacco di Luca Cordero di Montezemolo alla Ferrari

Franco. Diretto. Non ricorre a giri di parole. Questa Ferrari, quella attuale, non piace a Montezemolo. “Mi dispiace che si festeggi per un terzo posto, tipo Spa – dice il 75enne imprenditore bolognese -. Questo non è da Ferrari e il Vecchio (Enzo Ferrari, ndr) non lo avrebbe accettato. Mai”. Direttore sportivo della scuderia di Maranello negli anni ’70 e presidente dal 1991 al 2014, Montezemolo ha avuto piloti come Niki Lauda, Gilles Villeneuve e soprattutto Michael Schumacher, con cui ha vinto cinque titoli mondiali.

Montezemolo e la carezza a Charles Leclerc

L’ex numero uno della Ferrari non ha dubbi in merito al futuro di Charles Leclerc: “Lo confermerei, è bravo e non credo siano liberi piloti più forti di lui. Ma nel presente chi guida la Rossa è l’ultimo dei problemi”. E ricorda: “Io da presidente avevo costruito un Dream Team, da Schumi a Todt, da Brawn a Byrne. Se ho mai sentito John Elkann? Zero. Niente”.

Ecco la Ferrari che desidera Montezemolo

Non un’ammazzamondiale come l’attuale Red Bull. Montezemolo spiega: “Da tifoso sogno una Ferrari che non vinca sempre, ma che lotti per il titolo fino all’ultima gara. Come nel 1997, nel 1998, nel 1999, nel 2008, nel 2010, nel 2012. Perdere si può, ma da protagonisti, non da comparse”.

Non solo Formula 1: Montezemolo ne ha anche per Lukaku

Nella sua lunga carriera ha ricoperto anche il ruolo di vicepresidente della Juventus, nella stagione 1990/91. Quando gli viene chiesto del possibile approdo di Lukaku nella Torino bianconera, risponde così: “Neanche in foto, ha pure fatto perdere la Champions all’Inter”. Al bando la diplomazia, il messaggio arriva forte e chiaro.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...