Virgilio Sport

Inter, scudetto a rischio revoca? Il giallo di LionRock, l'azionista di Suning uscito di scena senza comunicazioni

Dagospia sgancia la bomba: perché nessuno ha comunicato che il fondo asiatico LionRock, che deteneva il 31% dell'Inter, è uscito di scena nel 2021?

Pubblicato:

Domenico Esposito

Domenico Esposito

Giornalista

Da vent’anni in campo e sul campo per vivere ogni evento in tutte le sue sfaccettature. Passione smisurata per il calcio e per la sfera di cuoio. Il pallone è una cosa serissima, guai a dirgli di no

Lo storico scudetto della seconda stella dell’Inter è a rischio? Dagospia torna sul passaggio di proprietà tra Suning e Oaktree, soffermandosi sul caso LionRock, il fondo asiatico che deteneva il 31% delle azioni del club nerazzurro. A quanto pare, non sarebbe stata fornita alcuna comunicazione relativa alla sua uscita di scena avvenuta nel 2021, ovvero quando Oaktree concesse il finanziamento a Zhang.

Inter, giallo LionRock: il caso che turba il popolo nerazzurro

Il portale di Roberto D’Agostino torna sul caso LionRock ricostruendo quanto successo negli ultimi giorni nella Milano nerazzurra. Nel momento in cui il fondo americano Oaktree ha escusso le azioni di Grand Tower, società riconducibile a Steven Zhang che deteneva il 61% dell’Inter, in quanto impossibilitata a ripagare un finanziamento da 386 milioni di euro, anche LionRock – di conseguenza – avrebbe dovuto consegnare le azioni di sua proprietà. Ma ciò non è avvenuto.

La precisazione di LionRock alla Reuters: fuori dall’Inter dal 2021

Poco meno di una settimana fa, precisamente il 22 maggio, un portavoce di LionRock si è affidato alla Reuters per comunicare che il fondo asiatico era in realtà già uscito dall’Inter nel 2021, quando cioè Oaktree aveva concesso il prestito dall’Inter. Dunque, sottolinea Dagospia, LionRock non sarebbe uscito subito dopo Grand Tower, ma tre anni prima ed è il motivo per il quale non ha fatto seguito alcuna lamentela per il default dell’altro socio.

L’Inter nell’occhio del ciclone? Cosa potrebbe rischiare

Il sito fondato da Roberto D’Agostino tocca il punto chiave della questione: pare infatti che fino a pochi giorni alla Figc risultava che LionRock fosse ancora azionista dell’Inter. “Saremmo di fronte a una delle più gravi violazioni del diritto sportivo” sottolinea Dagospia, dal momento che non sarebbe stato comunicato agli organi competenti il cambiamento dei soci. Cosa che potrebbe comportare una penalizzazione. Sempre il portavoce di LionRock non ha voluto dire chi ha comprato da loro il 31.05% del club. “Non dovrebbe essere stato escusso da Oaktree? E chi si celava dietro i soci del fondo?” domanda Dagospia che poi aggiunge: “Materiale per la procura della giustizia e anche per la procura federale del calcio. Lo scudetto della seconda stella dell’Inter rischia di passare di mano?”.

Inter, perché non sarebbe stato commesso alcun illecito

A spiegarlo è La Gazzetta dello Sport, secondo la quale l’Inter non corre alcun rischio sanzioni per via del passaggio di proprietà tra Suning e Oaktree. “Al momento alla Figc non risulta nulla di illecito, poiché l’operazione effettuata da Zhang rientra nell’ambito del libero mercato” scrive il quotidiano. Sono attesi sviluppi nei prossimi giorni.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...