Virgilio Sport

Juve, Allegri e l'esonero: la situazione e le ultimissime. Caressa svela un retroscena clamoroso

Legali bianconeri al lavoro, il divorzio immediato dal tecnico resta una soluzione caldissima: il rapporto tra Allegri e la Juve ormai è compromesso. E spunta un retroscena.

Pubblicato:

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

Massimiliano Allegri è ancora l’allenatore della Juventus. L’esonero atteso all’indomani della clamorosa serie di sceneggiate del tecnico livornese, proprio dopo aver conquistato la Coppa Italia grazie all’1-0 in finale sull’Atalanta, non è arrivato. Ma i ben informati giurano che è soltanto rimandato. Potrebbe arrivare nel corso della giornata di venerdì, le riflessioni sono in corso. E a tessere le fila, ormai, sono i legali e i contabili. Quelli chiamati a dirimere le varie questioni sollevate dal prematuro allontanamento di un tecnico dal contratto in scadenza a giugno 2025. Contratto da sette milioni netti a stagione, uno degli ultimi affari di Andrea Agnelli da presidente della Juventus.

Esonero Allegri, legali Juve al lavoro

Ad aggiornare sulle ultimissime novità relative ad Allegri sono i vari super esperti di mercato. A cominciare da Gianluca Di Marzio, volto noto di Sky. “Il club bianconero deciderà domani (venerdì 17 maggio, ndr) se procedere con l’interruzione anticipata del rapporto: altra notte di valutazioni legali“, scrive il giornalista su X.

Più o meno le stesse cose che scrive un altro super esperto, Nicolò Schira: “L’aria tra la Juventus e Max Allegri resta molto pesante. Nessuna comunicazione prevista per stasera (la serata di giovedì, ndr). Legali al lavoro per trovare la formula giusta. Le prossime 24-36 si preannunciano ancora molto calde…”.

Rapporto compromesso tra Juventus e Max

Del resto, come fatto filtrare all’Ansa da ambienti interni alla società bianconera, il legame tra la Juventus e Allegri è ormai al capolinea. Che sia alla vigilia della sfida del Bologna, la prossima settimana o al termine del campionato, Max saluterà Torino per far posto a Thiago Motta. Si legge in una nota d’agenzia: “La rottura pare ormai inevitabile ed è probabile che l’incontro tra l’allenatore e i vertici societari per discutere del futuro, programmato alla fine della stagione, avvenga molto prima”.

A far definitivamente crollare i ponti tra Max e la nuova dirigenza bianconera è stata la serie di comportamenti sopra le righe di cui si è reso protagonista Max nel dopo-gara con l’Atalanta. “Quel che è certo è che il club bianconero è contrariato del comportamento tenuto da Allegri a Roma, sia nei confronti delle istituzioni sportive sia degli organi di informazione e dallo stesso atteggiamento tenuto in campo nei confronti dei dirigenti bianconeri”.

Caressa: “Allegri preferiva Manna a Giuntoli”

A svelare un retroscena per certi versi clamoroso sull’allenatore toscano è Fabio Caressa, dagli studi Sky: “C’è stata l’esplosione di un uomo che sta come una pentola a pressione da un anno e mezzo. Ricordiamo che in questi mesi Allegri ha passato il cambio di proprietà, l’arrivo della nuova proprietà impegnata a risolvere questioni economiche e legali e non poteva occuparsi della situazione tecnica sportiva”.

Per Caressa il lavoro svolto da Allegri non va sottovalutato: “Ha preso la squadra e l’ha portata a fine campionato in posizione di Champions prima della penalizzazione, da manager. È stato manager anche nel periodo in cui la Juve ha iniziato bene in campionato, ha fatto punti insperati, è stata dietro all’Inter. Poi è arrivato Giuntoli, Allegri preferiva una soluzione diversa, una soluzione con lui e Manna come manager. Lo stima molto, hanno un ottimo rapporto, ha molto apprezzato quanto fatto in Under 23″.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...