Virgilio Sport

Juve, Vlahovic non fa più gol: le statistiche (quelle vere) parlano chiaro

Dal suo arrivo a Torino, Vlahovic non ha più gli stessi numeri che aveva a Firenze. Colpa di Allegri, della pressione o di altri fattori?

Pubblicato:

La Juventus si è ufficialmente qualificata in Champions League. Una conquista non scontata a gennaio, quando Dusan Vlahovic è arrivato dalla Fiorentina. Il bomber serbo classe 2000 è stato fondamentale nella rimonta fino al quarto posto (e a un passo dal tornare in corsa per lo Scudetto), ma è innegabile che i suoi numeri sotto porta siano calati rispetto al periodo al Franchi.

Meno spazi, meno palle pulite giocabili, un gioco che al momento non lo valorizza ma anche qualche demerito personale le ragioni di questa flessione.

Dusan Vlahovic, i suoi numeri alla Fiorentina

Innegabile, stando ai dati, osservare come i numeri di Vlahovic alla Fiorentina siano nettamente migliori rispetto a quelli in bianconeri. Ricordiamo inoltre che Vlahovic nel 2021 è stato in grado di raggiungere il record detenuto da Cristiano Ronaldo come maggior numero di reti segnate nel singolo anno solare, ben 33.

Oltre a questo traguardo straordinario per un giocatore di 21 anni, Vlahovic ha segnato in questa stagione 17 gol in 21 gare con la Viola, uno ogni 109 minuti. Oltre ad aver fornito due assist, Dusan partecipava molto anche al gioco della squadra, con almeno un dribbling completato di media a partita e almeno un occasione nitida creata. Numeri che, alla Juve, al momento non ha.

Con una percentuale realizzativa del 22,67%, Vlahovic si attestava a Firenze come uno degli attaccanti più letali di tutta la Serie A.

Dusan Vlahovic, i suoi numeri alla Juventus

Alla Juventus i numeri sono inevitabilmente calati. Uno su tutti, la percentuale realizzativa, che è crollata fino a un 14,29% cosa che non lascia molto tranquilli i tifosi della Vecchia Signora. Sono diminuiti anche i dribbling riusciti (0,8%) e il numero di occasioni create (0,6% a partita).

Molto indicativa anche la media gol, che in bianconero si attesa su una rete ogni 154 minuti di gioco, dunque quasi uno ogni due gare. Queste statistiche sono curiose soprattutto se considerato che la media dei tiri tra le due squadre è rimasta praticamente invariata. Alla Fiorentina i tiri da dentro l’area erano 2,71 a partita, alla Juve 2,67, mentre i tiri da fuori area erano 0,86 ogni gara a Firenze e 0,83 alla Juventus.

Inoltre, alla Juve sono aumentati anche i tocchi all’interno dell’area di rigore avversaria, 6,7 a partita a Torino contro i 6 di Firenze. Questo però non è coinciso con un aumento del numero dei gol.

Dusan Vlahovic tra Juve e Firenze: le differenze sono tante, i motivi della flessione anche

Tutti questi numeri ci permettono di cercare di analizzare un po’ le ragioni di questo calo del serbo. In primo luogo, ovviamente, il passaggio dalla Fiorentina alla Juve si fa sentire anche a livello ambientale e personale su un ragazzo di appena 21 anni. Le pressioni sono differenti, le aspettative elevatissime anche visto quanto è stata pagato (70 milioni di euro). Un periodo di apprendistato ci può stare.

In secondo luogo serve analizzare, più che il gioco di Allegri (comunque difensivista) il modo nel quale Vlahovic si trova a giocare ora. Infatti, due sono le differenze sostanziali. Prima di tutto, la Fiorentina giocava quasi sempre sulle ali, mentre i bianconeri cercano di sfondare spesso centralmente. Secondariamente, gli avversari affrontano la Fiorentina spesso a campo aperto, lasciando parecchi spazi nella propria trequarti e permettendo a Vlahovic, quando era centravanti, di girarsi e avere spazio per avanzare.

Alla Juve questo non succede, e il 90% delle squadre si mette dietro e aspetta. Dunque, affrontare una difesa con otto uomini schierati è un modo di giocare a calcio al quale Vlahovic non è abituato.

Aver arretrato la posizione di Morata è servito, ma i sei gol segnati fin qui da Vlahovic in bianconero non sono la fotografia del reale valore del giocatore. Paradossalmente, in bianconero Vlahovic fa fatica anche nel creare occasioni da gol (0,95 a gara alla Fiorentina, appena 0,58 a Torino).

I numeri al momento dicono che Vlahovic è un attaccante peggiore adesso che si trova alla Juventus, ma troverà sicuramente il modo di tornare quel bomber implacabile che abbiamo ammirato a Firenze.

Tags:

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...