Virgilio Sport

Juventus, caso-Pogba: la decisione del giocatore e le mosse del club dopo la squalifica

Chiesti 4 anni per il francese ma il caso è tutt'altro che chiuso. Intanto il club bianconero attende ma con la voglia di liberarsi del suo contratto

08-12-2023 09:14

Alessio Raicaldo

Alessio Raicaldo

Sport Specialist

Un figlio che si chiama Diego e la tesi di laurea sugli stadi di proprietà in Italia. Il calcio quale filo conduttore irrinunciabile tra passione e professione. Per Virgilio Sport indaga, approfondisce e scandaglia l'universo mondo dello sport per antonomasia

Non sono arrivate buone notizie sul fronte Paul Pogba. La richiesta della Procura per il centrocampista francese, trovato positivo al Dhea – deidroepiandrosterone, è di 4 anni di squalifica. Una mazzata terribile per il giocatore che di fatto chiuderebbe così la carriera. Ma naturalmente la battaglia non è conclusa col Polpo che prepara le contromosse insieme ai suoi legali e con la Juventus che osserva a distanza, spettatrice ovviamente molto interessata agli sviluppi della situazione.

La posizione di Pogba e la sua linea difensiva

Paul Pogba punta sulla buonafede per arrivare a una riduzione della squalifica. Possibilmente consistente rispetto a quella che viene considerata eccessiva da parte della Procura. Il centrocampista francese ritiene di non aver assunto alcuna sostanza dopante in maniera consapevole: non c’era in pratica alcuna volontà di frode o di alterare in qualche modo le proprie prestazioni sportive. Poi si entra nel merito della sostanza assunta, vietata dal 2021 in Italia ma addirittura consigliata e lecita in molti altri paesi.

La posizione della Juventus: nessuno parla

Nessuna reazione, quanto meno ufficiale, da parte della Juventus. Massimo silenzio sull’argomento da parte di Massimiliano Allegri in conferenza stampa così come nessun dirigente ha voluto dire la sua sul delicato caso riguardante il 30enne di Lagny-sur-Marne. Certo, con 4 anni di squalifica si andrebbe anche oltre l’attuale contratto in essere. Per ora Pogba percepisce dal club bianconero uno stipendio al minimo sindacale pari a circa 2000 euro netti al mese.

La possibilità di rescissione del contratto

Questo è quello che trapela per quanto riguarda le posizioni ufficiali. Poi ci sono quelle ufficiose, che ci dicono che la storia tra Paul Pogba e la Juventus è finita a prescindere da ciò che accadrà nelle aule di tribunale. La sensazione è che il club bianconero non veda l’ora di togliersi definitivamente un ingaggio ormai fuori portata come quello del francese.

Ricordiamo che la Vecchia Signora da contratto dovrebbe garantirgli 9 milioni di euro annui. In caso di rescissione il risparmio sarebbe notevole: una trentina di milioni che darebbero ossigeno alle casse di Madama oltre alla possibilità di tornare sul mercato per rinforzare proprio il reparto mediano della formazione guidata da Allegri.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...