Virgilio Sport

Juventus, contro il Chelsea è emergenza: Allegri fa il punto

Il tecnico bianconero, in conferenza stampa alla vigilia del match di Champions League contro i campioni d’Europa, non ha potuto non trattare il tema dei tanti infortunati in casa juventina.

Pubblicato:

Nonostante sia già sicura del passaggio del turno, la Juventus farà di tutto per andare a caccia dei tre punti anche a Stamford Bridge, campo dove domani sera sfiderà il Chelsea in un match molto affascinante.

Per Allegri, reduce dal 2-0 in campionato contro la Lazio, non sarà facile affrontare i campioni d’Europa in carica nella complessa situazione in cui vivono molti dei suoi titolarissimi, alle prese in diversi con acciacchi e problemi che renderanno più arduo domani sera il lavoro dell’allenatore livornese.

A Londra una Juventus piuttosto incerottata

Tema cardine della conferenza stampa della vigilia dunque è stata proprio la situazione riguardante i tanti infortunati in casa Juventus.

“Da scegliere abbiamo, ci sono quattro difensori tra cui De Winter. In mezzo al campo ci sono tutti, Kulusevski c’è, stamattina era dal dentista ma c’è. Danilo è fuori per due mesi, De Sciglio per l’Atalanta o dopo dovrebbe esserci, Chiellini mercoledì è con la squadra mentre Bernardeschi ne ha ancora per un po’. Titolari? Rientra Alex Sandro sicuro, vedremo a metà campo, non so se ne metto uno o ne tolgo uno” ha dichiarato Allegri il quale, certamente, avrà un bel d’affare per schierare il miglior undici titolare possibile.

Juventus, cercasi cinismo

Un altro argomento centrale sul quale Allegri si è soffermato coi giornalisti è stato poi il modulo con cui la Juventus riesce a rendere meglio a livello realizzativo, un aspetto questo in cui, secondo il tecnico toscano, c’è ancora molto da migliorare.

“È questione di caratteristiche. Dobbiamo migliorare la fase realizzativa, creiamo situazioni importanti e sbagliamo nell’ultimo passaggio. A Roma abbiamo rischiato non chiudendo le azioni e prendendo contropiedi. Abbiamo fatto 18 gol e subiti 15, dobbiamo trovare più gol come squadra”.

In quest’ottica sicuramente è importante avere al 100% un uomo come Paulo Dybala, uno che però contro il Chelsea potrebbe non scendere in campo.

“Non so se ha minuti nelle gambe perché non gioca da un po’. Lui e Kulusevski sono convocati, quello sì”.

I singoli in crescita della Juventus

Ricordata dunque la posta in palio domani sera (“Ci giochiamo il primo posto”), Allegri si è poi focalizzato sulle performance di tre giovani centrali nel progetto juventino.

McKennie sta andando bene è più sereno e ha una condizione fisica molto buona. Sta diventando un giocatore importante in questo momento. Rabiot invece era in crescita prima del Covid, poi ha avuto un momento di difficoltà. La cosa più importante a cui devono pensare tutti i ragazzi è crescere e migliorare. Domani abbiamo una bella partita da giocare e poi penseremo alle altre. Kean? Lui e Morata hanno fatto entrambi una buona partita a Roma, magari contro il Chelsea un tempo uno e un tempo l’altro” ha affermato Allegri, voglioso di ottenere uno scalpo importante e blindare la testa del Gruppo H.

 

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...