Virgilio Sport

Juventus, l’intercettazione esclusa aumenta i sospetti: scoppia il caso insabbiamento

Non si placa il fiume di polemiche tra tifosi e addetti ai lavori sul caso plusvalenze e sulla penalizzazione della Juventus. L'intercettazione tra Cherubini e Bertola omessa dal processo fa andare su tutte le furie

24-01-2023 10:57

Luca Fusco

Luca Fusco

Giornalista

Giornalista multimediale che racconta tutto quello che vede, dallo sport allo spettacolo, in qualsiasi formato: radio, tv, web, carta stampata, c’è di tutto nella sua esperienza. Per Virgilio Sport segue i Motori, il Calcio e i suoi protagonisti, sempre con occhio critico e a volte… spietato

Continuano i colpi di scena, o presunti tali, sulla vicenda plusvalenze che vede coinvolta la Juventus. Il club bianconero punito la scorsa settimana con 15 punti di penalizzazione in classifica dalla riapertura e della sentenza del processo sportivo. In attesa di leggere le motivazioni della sentenza con il sicuro ricorso dei legali della Vecchia Signora, emergono tanti particolari sulle carte del processo che continuano ad alimentare la fiamma delle polemiche tra tifosi e addetti ai lavori.

Juve al contrattacco, le intercettazioni omesse

La Juventus ha presentato la memoria difensiva per il ricorso con cui si opporrà alla sentenza che le ha inflitto venerdì scorso 15 punti di penalizzazione e che ha di fatto condannato la sua classifica, velleità di qualificazione alla Champions comprese. Come annunciato dal nuovo amministratore delegato Maurizio Scanavino, prima della partita contro l’Atalanta e ribadito dalla proprietà nelle parole di John Elkann ricordando l’avvocato Gianni Agnelli a 20 anni dalla morte, la Juve ha annunciato la volontà di difendersi in tutte le sedi consentite.

Uno dei punti della difesa della Juventus riguarda proprio le intercettazioni telefoniche prese in esame nel processo-bis sulle presunte plusvalenze fittizie. Secondo i legali dei bianconeri la Corte federale non ne ha tenuto in considerazione una reputata “rilevantissima” avvenuta il 15 luglio tra l’ex ds Federico Cherubini e Stefano Bertola:

“Se loro quello stanno cercando non troveranno nulla” afferma Bertola. Questa la risposta di Cherubini: “Ma secondo me, ecco dallo spirito sembra che quello che loro (ispettori di Consob, ndr) cerchino è capire dove ci…come se ci sia stata una palese sopravvalutazione, come se tra le nostre carte ci fosse non so… guarda, Pjanic vale 20 ma lo vendiamo 50, come se ci fosse la consapevolezza di quell… io credo che questo… ogni volta che c’è stata l’attribuzione di un valore, ripeto può essere stata anche fatta in maniera più o meno corretta, non è che era così…”. Poi ancora Bertola: “No no, non c’è nessun intento…Doloso no”.

Popolo Juve, la protesta continua incessante sui social

Oramai da giorni, da quel cruciale venerdì sera della sentenza e della penalizzazione, i social juventini ribollono di rabbia. “Strano che questa intercettazione non sia stata fatta sparire” scrive qualcuno, un altro attacca “non è stata presa in considerazione altrimenti avrebbe fatto cadere il castello dell’accusa”, e ancora “Solite intercettazioni che compaiono per qualcuno e scompaiono per altri”.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...