,,
Virgilio Sport

La Formula 1 è pronta alla rivoluzione: ecco tutte le possibili novità

Dall'approvazione del raddoppio delle Sprint Race nel 2023 alla probabile abolizione della Virtual Safety Car, passando per le modifiche al Drs e alle qualifiche.

27-09-2022 19:12

La Formula 1 è in costante evoluzione e sempre alla ricerca di nuove idee che possano far divertire di più gli spettatori e migliorare lo spettacolo. Il finale dell’ultimo GP di Monza in regime di Safety Car di sicuro non è piaciuto, però almeno sono state seguite le regole del gioco al contrario di quanto fatto lo scorso anno nella gara decisiva di Abu Dhabi. Un cambio per il 2023 intanto è appena stato ufficializzato.

F1, sei Sprint Race nel 2023

La prima novità, approvata durante il Consiglio Mondiale del Motorsport di martedì 27 settembre, riguarda il raddoppio delle Sprint Race nel 2023 da tre a sei. Non si sa ancora in quali appuntamenti verranno disputate, ma così in un quarto dei 24 GP in programma il format del weekend di gara sarà diverso.

In queste sei tappe ci saranno così le qualifiche al venerdì, che determineranno la griglia della Sprint. Dunque, la gara da 100 km al sabato, che deciderà lo schieramento di partenza del GP vero e proprio della domenica. La Sprint Race continuerà poi ad assegnare punti ai primi otto, come succede già quest’anno.

I dubbi su Safety Car e Virtual

Se il raddoppio delle Sprint Race è già stato approvato, sono possibili ulteriori modifiche al regolamento nei prossimi mesi. Come la Virtual Safety Car, introdotta nel 2015 dopo l’incidente fatale di Jules Bianchi. Secondo Auto, Motor und Sport la VSC, mai davvero apprezzata, potrebbe anche essere abolita.

Non piace perché quando un pilota va ai box in quel momento falsa la corsa e poi perché i distacchi non rimangono mai gli stessi. In caso di necessità si andrebbe così subito con la Safety Car. E dopo Monza è ora possibile che le gare non finiscano più dietro la vettura di sicurezza. Quindi bandiera rossa e ripartenza.

Nuove idee su Drs e qualifiche

Non ci sono solo Safety Car e VSC a destare dubbi. C’è infatti anche il DRS, il sistema che consente di superare la vettura davanti con l’apertura dell’ala posteriore. Sempre secondo Auto, Motor und Sport il suo utilizzo potrebbe essere anticipato già al primo passaggio o limitato a un certo periodo di tempo a giro.

Infine, si sta pensando alle doppie qualifiche, ma non prima del 2024. Ovvero, prove per la griglia della Sprint venerdì pomeriggio e qualifiche per lo schieramento della gara sabato mattina. Con la Sprint di sabato pomeriggio che a questo punto non determinerebbe più la griglia di partenza del GP vero e proprio.

La Formula 1 è pronta alla rivoluzione: ecco tutte le possibili novità Fonte: Getty Images

Leggi anche:

Caricamento contenuti...