,,
Virgilio Sport SPORT

L'incredibile doppia vita di Ravanelli

Una fake news, diventata virale, aveva fatto credere che il difensore del Padova fosse il figlio di 'Penna Bianca'. E invece...

C’era una volta il tempo in cui per capire se una notizia era tale per davvero si ricorreva all’espressione “non fa notizia il cane che morde l’uomo, ma viceversa”, sapiente espressione per indicare che i “veri” fatti di cronaca, in grado di colpire il lettore, sono quelli più strani e apparentemente incredibili. I tempi sono cambiati, oggi vanno di gran moda le fake news, ovvero informazioni, accuratamente non verificate, che però diventano subito virali anche grazie al megafono virtuale rappresentato dai social. Il mondo del calcio ovviamente non fa eccezione, anzi, per quanto si parla di pallone ogni giorno, in questo campo le fake si moltiplicano. Una delle più clamorose dell’anno riguarda quella che ha avuto come involontari protagonisti Fabrizio e Luca Ravanelli. Uno, ex attaccante di Perugia, Lazio, Juventus e Nazionale, campione d’Europa nel 1996 con la Juventus con tanto di gol in finale all’Ajax, ora allenatore dell’Arsenal Kiev in Ucraina, l’altro difensore, ex Sassuolo, prodotto del vivaio del Parma, in evidenza al debutto in B con il Padova grazie ai gol decisivi segnati contro Verona e Venezia.

Dopo la rete agli scaligeri si era diffusa la voce che Luca fosse figlio di Fabrizio e come succede in questi casi, per uno che lo scrive decine di altre testate hanno seguito l’esempio. Anzi, la tentazione, quella di pubblicare senza neppure controllare. Perché che qualcosa non tornava si poteva intuire dando uno sguardo ai luoghi di nascita: perugino uno, trentino l’altro, classe ’97, quando ‘Penna Bianca’ era diventato un giocatore del Middlesbrough. Per carità, se Thiago Alcantara, pargolo dell’ex Lecce Mazinho, è nato in provincia di Brindisi tutto è possibile, i figli dei calciatori spesso vedono la luce dove i padri giocano, tipo Federico Chiesa nato a Genova ai tempi in cui babbo Enrico furoreggiava alla Sampdoria. Qui però è diverso, perché Fabrizio Ravanelli e Trento hanno poco a che fare. Insomma, tra i due non c’è alcuna parentela, come lo stesso difensore ha dichiarato nelle scorse ore. Equivoco chiarito, ma per la serie i paradossi del calcio, la seconda giornata di B ha mandato sugli scudi un altro giovane, Nicholas Pierini, attaccante dello Spezia, autore di una doppietta al Brescia. Lui sì, figlio d’arte, certificato, di Alessandro, ex difensore di Udinese, Fiorentina e Parma.

SPORTAL.IT | 03-09-2018 21:05

L'incredibile doppia vita di Ravanelli Fonte: 123RF

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...