,,
Virgilio Sport SPORT

Marelli-Auriemma, lo scontro su Orsato accende il web

L'ex arbitro e il giornalista napoletano a confronto su tematiche relative a moviola e designazioni: scintille sullo storico errore in Inter-Juventus.

Sta facendo discutere lo scoppiettante confronto su Youtube tra l’ex arbitro Luca Marelli e il giornalista-tifoso del Napoli Raffaele Auriemma. I due, con grande serenità, hanno discusso di tematiche relative al mondo arbitrale, dalla corsa Champions all’utilizzo del Var, dall’errore di Orsato in Inter-Juventus del 2018 agli ultimi episodi controversi. Proprio il passaggio su Orsato, però, è quello che ha infiammato i social.

Marelli-Auriemma, dallo sprint Champions a Orsato

Il dialogo, in onda in due parti (la prima sul canale di Auriemma, la seconda su quello di Marelli) è iniziata con un annuncio dell’ex arbitro sulla volata Champions: “Vedrai che Rizzoli blinderà tutte le partite, manderà solo internazionali o arbitri di Champions per le sei squadre coinvolte”. Quindi la puntura di Auriemma: “I migliori arbitri però non sono garanzie. Prendiamo Orsato in Inter-Juventus. Per me il miglior arbitro italiano non può aver sbagliato in modo così grossolano su una situazione molto chiara”. Pronta la risposta di Marelli: “Invece è stato proprio un errore. La domanda da fare in tv piuttosto doveva essere: spiegami per quale motivo eri troppo vicino”. E Auriemma: “Altra domanda da fare: perché ci sono voluti tre anni per fargli dire che aveva sbagliato”. Con replica di Marelli: “Avevi bisogno che lui ammettesse fosse un errore? Sono d’accordo però su una considerazione: è un errore non aver mandato per tre anni il miglior arbitro italiano a dirigere l’Inter“.

Marelli-Auriemma: gli ultimi episodi dubbi

Quindi la discussione si è spostata su alcuni episodi dubbi di questo campionato. Per il giornalista, ad esempio, “ancora mi chiedo come mai non sia stato concesso rigore in Napoli-Milan quando Donnarumma falcia Koulibaly in area”. Marelli: “Per me è episodio da calcio di rigore, ma non è da Var. Il problema è l’applicazione del protocollo. In situazioni del genere la miglior risposta l’ha data Irrati alla Domenica Sportiva: se si manda un arbitro a vedere dieci volte l’immagine di un episodio dubbio, il fallo lo trova. Solo nell‘ultima giornata ci sono state tre forzature nell’utilizzo del Var, tra le quali quelle in Udinese-Torino, Sampdoria-Napoli“. Con una certezza: “Alla fine si dovrà arrivare per forza al ‘challenge’, la possibilità per allenatori o capitani di mandare l’arbitro al Var”.

Marelli-Auriemma, tifosi scatenati

Tanti i commenti dopo il confronto. “Coraggioso Luca, ti stimo. Che pazienza che hai avuto. Bravo”, è l’elogio a Marelli. “Purtroppo Auriemma confonde sempre il tifo con il regolamento e pensa sempre che il suo pensiero sia quello corretto. Marelli ha fatto una precisazione che, nell’educazione totale, lo ha semplicemente ammutolito”, un altro commento. Ma c’è pure chi rovescia la questione: “Il problema è che il settore arbitrale ragiona come se il tifoso fosse celebroleso e quindi trattano le opinioni altrui come opinioni da tifoso”.

SPORTEVAI | 16-04-2021 10:31

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...