Virgilio Sport

Milan, il piano di Cardinale spiazza i tifosi: cosa voleva dire il nuovo patron

La mission del proprietario di RedBird esposta in un convegno a New York, dalle sinergie con altri sport ai cambiamenti che ha in testa

20-10-2022 09:09

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Finora non si era ancora né visto né sentito, una presenza sui generis quella di Gerry Cardinale, il boss di Redbird che ha rilevato le quote di maggioranza del Milan dal fondo Elliott. A parlare – e ad agire – era sempre stato finora l’establishment precedente, con Paolo Maldini in testa ma il nuovo proprietario non intende stare a guardare. Parlando a un convegno a New York, come riporta la Gazzetta dello Sport, Cardinale annuncia le sue prossime mosse.

Milan, cosa vuole cambiare Cardinale

Il primo messaggio è un avviso ai naviganti. Finora Cardinale non ha messo becco nelle decisioni, ma a partire dalla strategia per il rinnovo di Leao fino all’ipotesi di vedere altre figure in società, ecco che si preannunciano novità come si evince dalla sua prima frase-manifesto: ” Non puoi solo comprare un club e star fermo. La sfida è shakerarlo un po’. Non puoi andare a pistole spianate, dobbiamo capire come fare ma possiamo dare un bel contributo”. Cosa vuole dire? Che d’ora in poi tutto o quasi dovrà passare da lui, sia pure in maniera non traumatica.

Milan, Cardinale punta al modello Premier

Secondo punto: Cardinale ha la Premier come modello di riferimento (” Il valore dei diritti tv in Premier è triplo rispetto all’Italia e in Liga è doppio. Lasciamo stare la Superlega. Dobbiamo occuparci della differenza tra Premier e A”) e crede molto nelle sinergie con altri sport: “Quello che ho imparato con Yankees e Red Sox è che non puoi vincere sempre. Il Milan ha vinto uno scudetto e le aspettative sono di rifarlo, ma in Champions. Sinergia tra Milan e club di altri sport? Io credo che così si possano avere benefici strategici. Attraverso le sinergie puoi crescere”

Poi aggiunge: “È tutto molto teorico ma per me c’è una logica. Elliott nel Milan ha fatto un grande lavoro e io ho scelto la continuità. La durata del mio impegno? Non sono preoccupato dell’exit strategy. Non investo per pensare a quando uscirò. Il mio lavoro è abbassare testa e lavorare. È interessante però capire perché certe cose accadono”.

Milan, i tifosi chiedono a Cardinale soprattutto investimenti

Sul web arriva la reazione dei ttifosi del Milan, che pensano più alle cose concrete che a sinergie o sogni futuri: “vedi di shakerare il portafoglio”, oppure: “Caccia i soldi che giochiamo con uno sgabello a porta” e ancora: “Allora muoversi che se vedo ancora Dracula in porta mi lancio nel vuoto da 1000 metri” e poi: “Non fare come Elliot solo a parole, attendiamo fiduciosi gennaio e giugno e il rinnovo di Rafa” e infine: “Shakera coi soldi e non rompere con queste dichiarazioni da idiota per favore”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Roma - Torino

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...