Virgilio Sport

Milan, lo sconforto dei tifosi: “E’ la nostra maledizione”

I fan rossoneri sono in ansia per la situazione contrattuale di Kessie che nelle ultime ore avrebbe ricevuto proposte importanti sia dal Tottenham che dal PSG

Pubblicato:

Tutti ma non lui. Dopo i casi Donnarumma e Calhanoglu, i tifosi del Milan cominciano ad essere in ansia anche per Franck Kessie. Il centrocampista ha un contratto in scadenza nel giugno del 2022 e sono in tanti quelli che ora cominciano ad avere paura della possibilità di perderlo a parametro zero nel corso della prossima estate. Il giocatore è stato probabilmente l’uomo simbolo della rinascita rossonera nell’ultimo anno e mezzo e le voci di mercato si fanno sempre più insistenti. 

Nelle ultime ore infatti molti esperti di mercato hanno ribadito che dall’estero stanno arrivando proposte molto invitanti al suo procuratore con i francesi del PSG che avrebbero messo sul piatto un’offerta da 8 milioni più 2 di bonus, una cifra decisamente più elevata rispetto al 5,5 milioni proposta dalla dirigenza rossonera. E anche il Tottenham sembra pronto a cogliere l’opportunità. 

I tifosi rossoneri: “E’ una maledizione”

Tra i tifosi del Milan serpeggia sempre più preoccupazione riguardo il caso Kessie con Richi che scrive: “I giocatori dell’Inter vincono lo scudetto dopo 12 anni e Lautaro al massimo chiede 6 milioni. I giocatori del Milan tornano in Champions dopo otto anni e il turco chiede 6 milioni, Kessie ne chiede 8 e Donnarumma ne chiede 12”. E Simone scrive: “Nessuno dei tre merita questi soldi. A Donnarumma sono stati offerti 8 milioni per un portiere di 22 anni non mi sembrano pochi. Calhanoglu ne chiedeva 6 e il Milan gli ha proposto 5 milioni, tutto questo per un giocatore che n 4 anni ha giocato bene solo una stagione”. 

Ad essere messa sotto accusa è anche la gestione Uefa che nel corso degli ultimi anni ha permesso questo tipo di comportamento da parte di giocatori e agenti: “Il Milan o qualsiasi altra società non può offrire lo stesso stipendio che può un paese ricco come il Qatar. L’Uefa non aiuta perché interessata solo ai soldi. Siamo messi male”. E ancora: “Siamo alle solite. Ormai è una tecnica consolidata, rifiutare il rinnovo e arrivare a scadenza per far risparmiare i soldi del cartellino e chiedere di più in termini di ingaggio. Ma quando interverranno Fifa e Uefa?”. 

Anche il Milan ha le sue colpe per non aver affrontato prima la questione relativa al prolungamento di contratto: “Secondo me è troppo tardi – scrive Betto – si doveva trovare un sostituto come già fatto con Mike Maignan. Forse con Gigio la società aveva capito che il rinnovo non ci sarebbe stato mentre Kessie aveva parlato rasserenando l’ambiente mentre ora sicuramente la situazione è cambiata”. La soluzione di Giovanni è più drastica: “Il calcio è in mano a pochi procuratori senza scrupoli e le regole sono fatte per tutelare loro e non le squadre di calcio: da qui nascono i problemi sui rinnovi. A gennaio va venduto cercando di guadagnarci qualcosa”. 

Milan, lo sconforto dei tifosi: “E’ la nostra maledizione” Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...