,,
Virgilio Sport SPORT

Milan-Spezia, Serra sotto choc: il bel gesto di Zlatan Ibrahimovic

L'arbitro torinese emotivamente distrutto e sull'orlo del pianto dopo il grave errore del gol annullato a Messias: Ibrahimovic ed altri giocatori del Milan lo hanno consolato nello spogliatoio.

18-01-2022 10:21

Se la stagione di una squadra può cambiare faccia in pochi secondi, per un gol sbagliato, uno subito o magari per un rigore non concesso o ancora per una rete ingiustamente e sostanzialmente anche ingiustificatamente annullata, come successo al Milan nel convulso (eufemismo…) finale della partita contro lo Spezia, lo stesso si può dire per un arbitro.

Una decisione errata, un fischio non emesso o magari uno… uscito troppo in anticipo può condizionare una carriera. Ne sa, ne potrebbe sapere qualcosa Marco Serra, l’arbitro torinese di 39 anni destinato a restare nella storia per quanto avvenuto al 90’ della gara di San Siro, uno dei posticipi del lunedì della 22a giornata.

Milan-Spezia, l’incredibile errore di Serra e quelle indicazioni Aia disattese

Quella decisione troppo avventata di interrompere il gioco per concedere il calcio di punizione al Milan per il fallo commesso al limite dell’area da Simone Bastoni su Ante Rebic ha cancellato il gol segnato da Junior Messias, realizzato di fatto sì a gioco fermo, ma meno di un secondo dopo l’episodio-chiave. 

Una lettura evidentemente sbagliata dell’azione, quella di Serra, che non si è accorto che il pallone era rimasto nel possesso dei giocatori del Milan e che ha così disatteso le indicazioni dell’Aia, che invitano ad aspettare prima di fischiare un fallo, in particolare in zone “sensibili” del campo, come l’area di rigore o il suo limite, proprio per evitare casi limite di questo tipo. Perché il cosiddetto e famoso “vantaggio” non è una regola codificata del gioco del calcio, bensì un’indicazione che viene lasciata all’interpretazione degli arbitri, ma che può condizionare l’andamento delle partite.

Retroscena Milan-Spezia: Serra sotto choc, Ibrahimovic lo consola

Fatto sta che, e non potrebbe essere altrimenti, Serra si è subito accorto del proprio grave errore. Al termine della partita, dopo essere stato accerchiato dai giocatori del Milan, furiosi già dopo l’episodio e quindi prima del gol-partita di Gyasi, Serra è parso particolarmente scosso. Di fatto sotto choc. Secondo quanto riportato dal ‘Corriere della Sera’, l’arbitro torinese, nella pancia di San Siro, sarebbe stato anche sul punto di scoppiare in lacrime, dopo essersi ripetutamente scusato con i giocatori del Milan, il cui atteggiamento sarebbe cambiato con il trascorrere dei minuti proprio dopo aver avvertito il senso di smarrimento dell’arbitro.

Ecco allora che, dalla rabbia, si è passati alla comprensione, con alcuni giocatori rossoneri che avrebbero addirittura raggiunto Serra nello spogliatoio per provare a consolarlo. Tra questi uno dei più coinvolti sembra essere stato Zlatan Ibrahimovic, evidentemente colpito dal crollo emotivo dell’arbitro torinese, più giovane di un anno rispetto al fuoriclasse svedese.

Milan-Spezia, Serra verso un lungo stop

Il pianto, così come la comprensione mostrata anche dai dirigenti del Milan che non hanno infierito su Serra con dichiarazioni e ulteriori proteste, non basterà comunque per evitare all’arbitro classe 1982 un lungo stop da parte del designatore Gianluca Rocchi.

I vertici arbitrali esamineranno il caso nelle prossime ore ed è facile immaginare che Serra non arbitrerà in A per alcune settimane, ma il retroscena può aiutare a riportare quanto accaduto in un alveo più corretto, quello di un errore arbitrale, pur gravissimo e decisivo, ma commesso da un fischietto evidentemente non abituato a partite così importanti, avendo finora diretto solo 11 gare in carriera in Serie A.

 

OMNISPORT

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...