,,
Virgilio Sport SPORT

Motogp, Pecco Bagnaia vuole rovinare la festa del Diablo Quartararo

Il nostro Pecco Bagnaia è ormai fuori dalla lotta per il Mondiale (se non matematicamente poco ci manca) ma spera comunque di rimandare il più possibile il successo di Quartararo.

20-10-2021 18:00

A tre gare dal termine della stagione 2021, la Motogp torna in Italia (21-24 ottobre) per correre il secondo Gran Premio a Misano, sul circuito dedicato a Marco Simoncelli, nell’evento ribattezzato Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna. 

L’ultima volta che si è corso su questo tracciato era fine maggio, e a spuntarla è stato il nostro portacolori Pecco Bagnaia in sella alla sua Ducati Desmosedici. Quella vittoria, e le altre che sono seguite, non sono però bastate a Pecco per giocarsi seriamente il Mondiale, dato lo strapotere e la super continuità prestazionale del Diablo Yamaha Fabio Quartararo. il francese infatti a Misano-2 avrà il primo match point per la vittoria del titolo Mondiale, grazie ai suoi 52 punti di vantaggio sul secondo il classifica, ovvero proprio Bagnaia. 

Se non altro, il pilota italiano tenterà sicuramente di mettere i bastoni tra le ruote al francese, e di ritardarne la festa. Davanti al pubblico di casa, sarà sicuramente un GP speciale per Pecco:

“Tornare a correre a Misano dopo la bellissima vittoria ottenuta qui davanti al mio pubblico un mese fa è sicuramente molto emozionante. In quel weekend tutto è stato perfetto e anche le due giornate di test post-gara sono state davvero molto positive per noi. Nonostante ciò, dobbiamo restare concentrati: anche i nostri avversari arriveranno a questo Gran Premio molto più preparati e le condizioni della pista saranno sicuramente diverse, con temperature dell’asfalto più basse rispetto a un mese fa. Sarà importante lavorare bene fin dalle prime sessioni. L’obiettivo è quello di lottare per la vittoria e cercare di mantenere aperto il campionato fino alla fine”.

OMNISPORT

Motogp, Pecco Bagnaia vuole rovinare la festa del Diablo Quartararo Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...