,,
Virgilio Sport SPORT

MotoGP, per Iannone vicina l'ora della verità. Parla la De Lellis

Martedì 4 febbraio l'udienza che segna un nuovo capitolo nella storia che vede il pilota sotto accusa

Il tempo passa molto lentamente, quando si tratta del tuo presente e della tua reputazione. Per Andrea Iannone, l’accusa di aver abusato di sostanze proibite comporta una autentica spada di Damocle sulla sua licenza sportiva e il suo contratto con l’Aprilia, la stagione alle porte e la sua credibilità di pilota. Quanto sostenuto dalla Federazione non è affatto cosa di lieve entità, se vi fossero ancora dubbi in merito.

Nonostante la tenacia e l’intenzione di scrollarsi di dosso questa terribile etichetta, il futuro del pilota di MotoGP è quanto di più incerto. Martedì 4 febbraio in Svizzera c’è l’udienza davanti alla Corte disciplinare della Federazione internazionale motociclistica che dovrà emettere una sentenza entro 45 giorni. Dalla sua Iannone e i suoi legali, come spiegato dal suo avvocato Antonio De Rensis, sostengono la tesi della contaminazione alimentare. Domenica, a Sepang, incomincerà la giostra dei primi test che precedono quelli ufficiali precampionato.

Le parole di Rivola su Iannone

Secondo le indiscrezioni emerse a ridosso della notizia, l’Aprilia avrebbe già in serbo una sorta di piano B per evitare di rimanere in una condizione di difficoltà anche se Massimo Rivola, ad di Aprilia Racing, ha tenuto a precisare in un’intervista al Corriere della Sera la sua posizione e quella del team: “Tante volte ci facciamo influenzare: Iannone positivo è normale perché fa le pubblicità d’intimo, è palestrato, e si fa vedere a torso nudo. Ma non è così”. E com’è? “L’anno scorso al primo test l’ho messo sulla bilancia e gli ho detto: Non ci siamo. Aleix Espargarò (il compagno di squadra, ndr) pesa 10 kg meno di te. Devi metterti a dieta, cambiare allenamento. Già a luglio aveva perso 6,5 kg lavorando sodo. Perché avrebbe dovuto prendere anabolizzanti se doveva dimagrire?”.

La vita sui social e la vita vera

Su Instagram, social prediletto da Iannone e dalla sua compagna, l’influencer Giulia De Lellis, Andrea continua a mostrarsi sereno e in forma, mantenendo fede all’impegno di perdere peso e di allenarsi come e meglio di quando è in piena preparazione. Dopo il comunicato, pubblicato nei minuti successivi alla notizia, poco altro è seguito di strettamente inerente all’accusa di aver assunto drostanolone.

Le dichiarazioni di Giulia De Lellis

Dalla sua, GDL invece ha ribadito il suo impegno in difesa di Iannone e della tesi della contaminazione alimentare. A Verissimo, nel corso di un’intervista rilasciata a Silvia Toffanin ha detto: “È un momento particolare della sua carriera dove io non posso fare altro che stargli vicino. Siamo sereni perché sappiamo della sua innocenza. Lui è molto determinato a dimostrare questo e sono sicuro che ci riuscirà. Sono molto positiva perché conosco la persona e l’uomo. Mi dispiace per quello che leggo sui social perché Andrea ha un passato da sportivo modello. Spero si risolva tutto il prima possibile”.

VIRGILIO SPORT | 28-01-2020 15:16

MotoGP, per Iannone vicina l'ora della verità. Parla la De Lellis Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...