,,
Virgilio Sport SPORT

Niente Europei per Zaniolo nell'anno più difficile: il messaggio

Nicolò Zaniolo non sarà tra gli azzurri degli Europei, ma spera in un recupero migliore e più veloce senza rischiare

Che sia Saturno contro (per citare Ferzan Ozpetek) o una sequenza di eventi avversi poco conta, nell’oggi di Nicolò Zaniolo. Un predestinato, il talento più evidente e importante della sua generazione colpito da due infortuni consecutivi molto complicati e ai quali ha risposto con determinazione e lavoro, nonostante una situazione personale complicata nella separazione dalla compagna incinta, Sara Scaperrotta, e anche il Covid.

L’annuncio di Zaniolo sugli Europei

“Sono dispiaciuto, ma il mio obiettivo è esserci il prossimo anno ai Mondiali”.

Guardare avanti per non esplicitare la sua assenza, con rammarico, dagli Europei. Nicolò si sta allenamento, ma non è ancora pronto per affrontare i carichi e rientrare effettivamente in campo. Zaniolo è stato mercoledì a Innsbruck dal professor Fink, che lo ha operato a settembre al crociato anteriore del ginocchio sinistro. La visita è andata bene, ma la gamba sinistra ha circa il 10% in meno di tono muscolare rispetto a quella destra, quindi non si dovranno forzare i tempi di recupero.

Il prossimo controllo è prevista tra fine aprile e inizio maggio, quando è atteso il via libera per tornare ad allenarsi in gruppo, ma senza giocare in campionato.

Il messaggio del ct Roberto Mancini

Il padre Igor, ex calciatore e attento alla sua carriera, ha spiegato alla Gazzetta dello Sport:

“L’altra sera era distrutto, come umore sembrava di essere tornati ai giorni in cui si era infortunato alle ginocchia. Ora piano piano comincia a stare meglio, anche se dentro di sé ha una voglia incontenibile di giocare. Vorrà dire che, quando arriverà la ‘green card’ – così la chiama il professor Fink – disputerà le finali Primavera”.

Per Zaniolo si è speso anche uno dei suoi più grandi estimatori, il ct della Nazionale Roberto Mancini:

“Aspettiamo ancora un po’. So che al 70 per cento non ce la farà a essere con noi, ma Nicolò deve restare tranquillo. Ha davanti a sé una carriera molto lunga, non deve forzare perché la salute è ciò che conta di più. In ogni caso noi lo seguiremo fino alla fine, anche perché conosciamo bene il suo valore. Nel calcio momenti del genere possono capitare”, riporta la Gazzetta.

Possono verificarsi e si dovrà porre rimedio: Mancini sa che individuare un valido sostituto del romanista non sarà semplice come sembra e anche Bernardeschi o Kean non sono sovrapponibili a Zaniolo.

VIRGILIO SPORT | 09-04-2021 10:41

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...