Virgilio Sport

Pagelle Arsenal-Bayern Monaco 2-2: Saka gioca a biliardo, Gnabry e Kane killer, Trossard evita il ko

Male Jorginho, difesa dei Gunners da incubo: Sané dominante, Musiala in chiaroscuro. Arteta evita la sconfitta con i cambi

Pubblicato:

Marco Festa

Marco Festa

Giornalista

Frequentatore di stadi ed esperto di calcio, ama agganciare e far domande a idoli e futuri campioni. Anzi, spesso precorre gli addetti ai lavori e li scova prima di loro

Né vincitori né vinti: Arsenal e Bayern Monaco hanno pareggiato 2-2 all’Emirates Stadium nell’andata dei quarti di finale di Champions League. Emozioni senza soluzione di continuità. Gunners avanti con Saka, ripresi da Gnabry e ribaltati da un calcio di rigore di Kane.

Nel secondo tempo il subentrato Trossard ha pareggiato e rimandato il discorso qualificazione al match di ritorno. Attacchi frizzanti e difese allegre: andrà avanti chi sarà più bravo a compiere il fatidico giro di vite.

Arsenal-Bayern Monaco, la chiave della partita

I cambi con cui Arteta rimedia in corso d’opera alle sbandate della sua difesa, mal protetta dal centrocampo. Troppa grazie per una squadra come il Bayern Monaco, che non aveva fatto una piega dopo il gol dello svantaggio ribaltando il risultato. Sempre primi sulle seconde palle, i Gunners dovranno registrare la fase di non possesso per riuscire nell’impresa di straccare il pass per la semifinale all’Allianz Arena.

RIVIVI IL LIVE DI ARSENAL-BAYERN MONACO

Arsenal, le pagelle

  • Raya 5: Esce nella terra di nessuno contribuendo all’errore in disimpegno di Gabriel, che propizia l’1-1 del Bayern Monaco. Gnabry lo brucia in uscita rubandogli il tempo in scivolata. Palla tra le gambe, poteva fare meglio. Kane lo mette a sedere nell’esecuzione del penalty con cui il Bayern Monaco passa in vantaggio.
  • White 6.5: Non molla e recupera un pallone d’oro, che trasforma in assist per Saka. Spreca la chance per portare l’Arsenal sul 2-0: Havertz lo mette a tu per tu con Neuer, ma il tiro centra il portiere tedesco.
  • Saliba 5: Sverniciato da Sané allarga la gamba per cercare di impedire all’avversario di arrivare al tiro, ma è in ritardo e commette fallo da rigore. Il primo a esserne consapevole è proprio lui che con una smorfia fa capire di sapere di averla fatta grossa.
  • Gabriel 5: Si complica la vita in maniera incomprensibile non toccando all’indietro per Raya per poi consegnare a Goretzka il pallone tramutato nell’assist per l’1-1 di Gnabry. Balla con i compagni di reparto.
  • Kiwior 5.5: Tiene bene Kimmich. Esce all’intervallo, sacrificato sull’altare degli equilibri tattici e dalla scelta di sostituirlo con Zinchenko per aumentare la trazione offensiva (1′ st Zinchenko 6.5: Propositivo, mai banale).
  • Jorginho 5: Doppio play con Rice, non tocca un gran numero di palloni faticando a entrare nel vivo del gioco. Sbaglia più di quanto c’è da attendersi per le qualità tecniche di cui è in possesso (21′ st Juan Jesus 7: Mette a sedere De Ligt e tocca a rimorchio per Trossard: 2-2).
  • Odegaard 5.5: Non riesce a incidere come sa. Soffre la fisicità dei dirimpettai del Bayern.
  • Rice 5.5: Azzarda un anticipo su Gortezka aprendo una voragine centrale punita dal passaggio filtrante per Gnabry.
  • Saka 6.5: Un colpo da biliardo per l’illusorio 1-0 dell’Arsenal. Il suo sinistro a giro è una sentenza. Diciottesimo gol stagionale, quarto in Champions. Ben contenuto al netto delle fisiologiche difficoltà per marcarlo. Mette in difficoltà Davies. Nel finale reclama un calcio di rigore ma il check del VAR smaschera una gamba trascinata.
  • Martinelli 5.5: La prima chance della partita è sua, ma finisce presto nella morsa dei difensori del Bayern (21′ st Trossard 7: Ci mette dieci minuti a girare alle spalle di Neuer un destro a incrociare chirurgico. Vivace, attivo. Ottimo impatto sulla gara oltre il gol del 2-2).
  • Havertz 5: De Ligt e Dier gli concedono un passaggio per White (41′ st Partey sv: Un giallo per fallo tattico).
  • Arteta (allenatore) 6: Il doppio play non paga. In difesa l’Arsenal si complica la vita da solo, ma a mancare è proprio il filtro del centrocampo. La naturale conseguenza sono praterie che si aprono in maniera piuttosto ingiustificata. La mancanza di equilibrio si rivela fatale. Inevitabile a questi livelli e ancor di più a questo punto della manifestazione. I cambi lo salvano: Juan Jesus e Trossard confezionano il 2-2.

Bayern Monaco, le pagelle

  • Neuer 6: Non può nulla sui gol di Saka e Trossard. Tiene in partita il Bayern neutralizzando col suo corpo gigantesco il tiro di White. Bravo a non abboccare al tentativo di Saka di guadagnare un rigore con un pizzico di furbizia.
  • Kimmich 6.5: Dalle sue parti Kiwior non sfonda mai. Attento e diligente.
  • De Ligt 5.5: Martinelli s’infrange come un’onda sugli scogli al suo cospetto. Soprattutto nel secondo tempo è pratico ed efficace fino a quando non viene messo a sedere da Juan Jesus, che consegna a Trossard il pallone per il 2-2.
  • Dier 6: In tandem con De Ligt molto bene nel primo tempo e fino alla mezz’ora della ripresa.
  • Davies 5: In grande difficoltà contro Saka e White. Perde il pallone tramutato in oro dal gioiello dei Gunners, rimedia un giallo pesante: era in diffida e salterà il return match.
  • Laimer 5.5: Sbaglia più di quanto sia lecito attendersi da un giocatore del suo spessore internazionale.
  • Goretzka 6.5: Giganteggia in mediana. Assist al bacio per Gnabry, che firma l’1-1.
  • Sané 7: Imprendibile. L’Arsenal gli concede praterie, lui ringrazia e galoppa felice. Saliba vede solo la sua ombra quando lo mette a terra: calcio di rigore (21′ st Coman 5.5: Non riesca a entrare in partita se non per un lampo finale).
  • Musiala 5.5: Si accende a intermittenza. Non in una delle sue serate migliori.
  • Gnabry 6.5: Ruba il tempo a Raya e ai difensori centrali dell’Arsenal realizzando il gol dell’1-1 in scivolata. Scatenato (25′ st Guerreiro 5.5: Prova a farsi vedere ma non incide).
  • Kane 7: Trentanove gol in trentotto partite. Glaciale dagli undici metri, sfiora la doppietta nella ripresa ed è strepitoso anche per la capacità con cui innesca i compagni di squadra.
  • Tuchel (allenatore) 6: Il Bayern parte male, la ribalta e tiene meglio il campo dell’Arsenal. I cambi di Arteta, però, sono più efficaci.

Arsenal-Bayern Monaco, la pagella dell’arbitro

Ad arbitrare Arsenal-Bayern Monaco, match valido per l’andata dei quarti di finale della Champions League 2023/2024, è stato lo svedese Glenn Nyberg coadiuvato dagli assistenti di linea Mahbod Beigi e Andreas Söderqvist. Quarto ufficiale Adam Ladebäck. In sala VAR gli olandesi Pol van Boekel e Dennis Higler. Segue in maniera impeccabile l’azione che porta al fallo di Saliba su Sané ed è in posizione ottimale per fischiare il calcio di rigore: netto e concesso senza tentennamenti. Bene anche il check con cui il VAR non concede un rigore a Saka, che trascina la gamba davanti a Neur. Voto 7.

Il tabellino di Arsenal-Bayern Monaco

Il tabellino.

ARSENAL-BAYERN MONACO 2-2

MARCATORI: pt 12′ Saka (A), 18′ Gnabry (B), 32′ Kane (B, rig.); st 31′ Trossard.

ARSENAL (4-2-3-1): Raya; White, Saliba, Gabriel, Kiwior (46′ Zinchenko); Jorginho (66′ Gabriel Jesus), Rice; Saka, Odegaard, Martinelli (66′ Trossard), Havertz (86′ Thomas). All. Arteta.

BAYERN MONACO (4-2-3-1): Neuer; Kimmich, De Ligt, Dier, Davies; Laimer, Goretzka; Sané (66′ Coman), Musiala, Gnabry (70′ Raphael Guerreiro); Kane. All. Tuchel.

ARBITRO: Nyberg (Svezia).

NOTE: Ammoniti: Davies (B), Kane (B), Partey (A). Recupero tempo: pt 1′, st 5′.

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...