Virgilio Sport

Panchine bollenti, Inzaghi e Pioli a rischio senza Champions: chi potrebbe sostituirli

Gli allenatori di Inter e Milan sarebbero esonerati se non dovessero chiudere il campionato tra le prime quattro: De Zerbi piace a entrambe, Simeone e Conte i sogni nerazzurri

Pubblicato:

Fabrizio Napoli

Fabrizio Napoli

Giornalista

Giornalista professionista, per Virgilio Sport segue anche il calcio ma è con la pallanuoto che esalta competenze e passioni. Cura la comunicazione di HaBaWaBa, il più grande festival di waterpolo per bambini al mondo

Non c’è solo la fuga del Napoli verso lo scudetto a preoccupare Inter e Milan e, di conseguenza, i loro allenatori: Simone Inzaghi e Stefano Pioli. I risultati altalenanti alla ripresa del campionato e la crescita di Roma, Lazio e Atalanta hanno rimesso in discussione la qualificazione alla prossima Champions League: senza questo traguardo sia Inzaghi che Pioli rischiano l’esonero. Non a caso circolano già i nomi dei loro possibili sostituti.

Esonero Inzaghi: Simeone e Conte i sogni dell’Inter

La Champions League è essenziale per le casse dell’Inter. Senza di essa, Simone Inzaghi verrebbe esonerato con un anno di anticipo sulla scadenza del contratto, fissata a giugno 2024. Su chi punterebbe a quel punto Steven Zhang? L’Inter ha due sogni proibiti per la panchina: Diego Simeone, che a fine stagione lascerà l’Atletico Madrid, e Antonio Conte, il cui rapporto col Tottenham continua a vivere di alti e bassi. Entrambi, però, sembrano irraggiungibili.

Simeone è l’allenatore più pagato al mondo, con i suoi 22 milioni di euro netti all’anno, mentre Conte intasca 15 milioni netti e ha un contratto sì in scadenza ma con un’opzione di rinnovo in favore degli Spurs. E improbabile appare anche l’approdo in nerazzurro di Massimiliano Allegri, legato all’a.d. dell’Inter Beppe Marotta ma che in questo momento appare un punto fermo della Juventus.

Inter, idea Juric per sostituire Inzaghi

L’Inter, dunque, potrebbe virare su un tecnico emergente: il nome nuovo è quello di Ivan Juric, che al Torino guadagna 2 milioni di euro ma ha un contratto in scadenza nel 2024. Il croato, che nel 2011 fu assistente di Gianpiero Gasperini nella sua breve esperienza all’Inter, ha dalla sua anche un fattore tecnico: gioca con la difesa a 3 come Inzaghi e quindi permetterebbe all’Inter di non stravolgere il proprio organico.

Altro nome caldo è quello di Roberto De Zerbi, che però sta brillando in Premier League con il Brighton, ha un contratto fino al 2026 e un’impostazione tattica totalmente diversa, avendo sempre giocato con una difesa a 4 e due attaccanti esterni, giocatori di cui l’Inter è praticamente priva.

Milan, De Zerbi in pole se Pioli esonerato

Molto più probabile, invece, che Roberto De Zerbi diventi l’obiettivo del Milan in caso di esonero di Stefano Pioli. In rossonero il tecnico bresciano avrebbe già un organico adatto al suo gioco e si adatterebbe bene alla filosofia della dirigenza, che mira a puntare sui giovani e a valorizzarli. Il problema è il contratto col Brighton, che non solo è lunghissimo (lo vincola per altre 3 stagioni), ma anche oneroso: in Premier De Zerbi guadagna 5 milioni di euro l’anno.

L’alternativa, secondo la stampa francese, sarebbe rappresentata da Mauricio Pochettino, esonerato ma ancora sotto contratto col PSG: il suo legame coi transalpini si esaurirà a giugno, ma per venire al Milan l’argentino dovrebbe accettare un ingaggio nettamente più basso degli 11 milioni di euro che percepisce a Parigi.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Inter - Cagliari

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...