Virgilio Sport

Roma-Milan, cori beceri contro Ibrahimovic: "Zingaro". La sua replica

Ibrahimovic insultato, replica ai cori a modo suo e si guadagna un giallo da Maresca che prende decisioni a dir poco controverse. Intervengono gli ispettori

Pubblicato:

Qualunque sia la decisione che verrà presa dal Giudice Sportivo, in merito ai cori terribili e vergognosi anche razzisti sentiti limpidamente durante Roma-Milan, la lezione impartita da Zlatan Ibrahimovic (che si è guadagnato un cartellino dall’arbitro Maresca) rimarrà altrettanto indelebile, sebbene corredata da una potenza di significato imparagonabile.

Ibrahimovic, provocazione dopo cori razzisti

D’altronde, Ibra è pur sempre il giocatore che abbiamo imparato a conoscere in una carriera ventennale e più che non ha mai conosciuto stereotipi o cedimenti: le sue origini, lo scherno, l’essere diverso se non fedele a quanto costruito lo hanno rinvigorito, reso orgoglioso del suo percorso e forse scolpito nel suo carisma come egli stesso ha rimarcato nella sua autobiografia.

In campo ha combinato taekwonko e fantasia, inventando colpi e soluzioni di gioco che lo hanno elevato nell’Olimpo dei migliori della sua generazione che non ha mai conosciuto un calciatore simile per caratteristiche, concentrazione e anche una certa antipatia per le ovvietà. Certo, essere Ibra vuol dire anche non cedere al razzismo, all’orrore sentito da una minoranza del pubblico dello stadio Olimpico.

Che cosa è successo all’Olimpico

Alla vigilia aveva detto che i fischi che avrebbe ricevuto lo avrebbero caricato e così è stato, in effetti: i fischi li ha ricevuti, e non una volta, e la replica è stata ben chiara a guardare il punteggio: Ibra ha esultato in modo provocatorio e per questo è stato ammonito dall’arbitro Maresca, che ha preferito mantenere l’ordine così ai sensi del regolamento in un Roma-Milan già molto complicato.

Dalla curva della Roma è partito un coro becero, che Zlatan ha sentito purtroppo più volte: “Sei uno zingaro”. Quella frase è stata pronunciata dopo il gol del 2-0 di Ibra, poi cancellato dal VAR e al momento dell’uscita dal campo di Zlatan, sostituito da Giroud e che non ha risparmiato neanche il compagno di squadra Kessiè, destinatario di fastidiosi e insopportabili ululati.

L’intervento degli ispettori durante Roma-Milan

Ibra ha replicato a braccia spalancate a questo pseudo pubblico: una provocazione, una scelta, una ulteriore sfida per questi soggetti? La situazione non è affatto banale, né è stata trascurata dagli ispettori: nel secondo tempo di Roma-Milan, al 55′, quando il coro si è in parte ripetuto, lo speaker dello stadio ha letto l’avviso per i tifosi a smettere le condotte illecite dietro indicazione degli ispettori. Ora toccherà al Giudice valutare se sanzionare, o meno, la Roma per quanto accaduto.

Clicca qui per abbonarti e vedere tutte le gare di Serie A live su DAZN

VIRGILIO SPORT

Roma-Milan, cori beceri contro Ibrahimovic: "Zingaro". La sua replica Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...