Virgilio Sport

Szczesny: gli esami dopo la grande paura in campo, è tutto ok

Il portiere della Juventus si era sentito male toccandosi il petto nel primo tempo contro lo Sporting Lisbona

14-04-2023 15:04

Dopo la grande paura, il sollievo: anche gli esami sostenuti oggi hanno dato buon esito per Szczesny, portiere della Juventus, sentitosi male nel primo tempo della partita di Europa League contro lo Sporting Lisbona, disputatasi ieri all’Allianz Stadium. Il numero uno polacco aveva accusato dolore al petto e affanno, come lui stesso ha descritto nel dopo partita, quando già stava bene e scherzava con il compagno di reparto Perin.

Szczesny: il malore che ha tenuto tutti con il fiato sospeso

L’intero stadio è rimasto con il fiato sospeso mentre Szczesny veniva soccorso dallo staff sanitario, dopo essersi toccato il petto. L’immediata decisione di ricorrere alla sostituzione, il portiere fuori in lacrime. Tanta paura, non solo per Tek, ma anche per i compagni di squadra e per il pubblico. E dire che Szczesny era già stato decisivo in almeno due occasioni prima del malore. E aveva anche urtato il palo con lo sterno, tanto che un medico intervistato da Repubblica ha ipotizzato possa essere stata quella la causa del dolore.

In ogni caso, appena giunto negli spogliatoi, Szczesny è stato sottoposto a elettrocardiogramma che pure ha dato esito negativo. Insomma, a quanto pare, non è stato un problema al cuore, anche se si è presentata come tachicardia.

Szczesny: “Non riuscivo a respirare ed ero spaventato”

Un’ipotesi potrebbe essere un attacco di panico. Almeno da come lo ha descritto il portierone della Juve: “Avevo dolore forte al petto, non riuscivo neanche a respirare, sentivo molta ansia. Mi sono spaventato. Non mi era mai capitato”.

Come detto, dopo il fischio finale, Tek era già sereno, tanto da presentarsi e scherzare con Perin davanti alle telecamere: “In realtà avevo visto Perin in grande forma e volevo che giocasse lui, le parate fatte nel finale mi hanno dato ragione”.

Szczesny: tachicardia la causa dell’ansia

Un’altra ipotesi è che Szczesny, sentendosi le palpitazioni al cuore, si sia spaventato e sia diventato ansioso, il che gli ha impedito di respirare regolarmente. Sono stati tanti i messaggi nel dopopartita a supporto del portiere polacco, primi tra tutti proprio gli avversari dello Sporting Lisbona. E davanti ai microfoni, Massimiliano Allegri prima ancora di affrontare i temi dell’1-0 della Juve, ha voluto sottolineare: “La cosa importante è che Szczesny stia bene”. Prima di stemperare la tensione con una delle sue battute da toscanaccio doc: “Tek sta bene, non lo vuole neanche il diavolo”.

Dovrebbe dunque essere regolarmente al suo posto contro il Sassuolo, Szczesny, a meno che Allegri non gli dia comunque riposo puntando su Perin, miracoloso nel finale contro lo Sporting Lisbona e che quest’anno mai ha fatto rimpiangere il titolare quando è stato chiamato in causa.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...