Virgilio Sport

Tennis, ATP 500 Acapulco: Cobolli e Arnaldi sono uno spettacolo! Ribaltano il pronostico contro Auger-Aliassime e Fritz

Cobolli supera Auger-Aliassime in tre set (2-6 6-3 6-2) e vede la top-60, Arnaldi batte Fritz per 6-4 4-6 6-2 e al prossimo turno affronterà Shelton

Pubblicato:

Roberto Barbacci

Roberto Barbacci

Giornalista

Giornalista (pubblicista) sportivo a tutto campo, è il tuttologo di Virgilio Sport. Provate a chiedergli di boxe, di scherma, di volley o di curling: ve ne farà innamorare

La mattina ha l’oro in bocca, e gli italiani di Acapulco non se lo fanno ripetere due volte: Flavio Cobolli e Matteo Arnaldi giocano in simultanea ma ottengono comunque quello che volevano, superando dopo due sfide terminate entrambe al terzo set due avversari del calibro di Felix Auger-Aliassime e Taylor Fritz. Due vittorie che valgono tantissimo e che proiettano i due millennials italiani in una nuova dimensione, pronti a stupire sul cemento nordamericano e strizzando l’occhio chiaramente anche sui primi Masters 1000 della stagione a Indian Wells e Miami. Tanto, quanto a umidità, Acapulco (dove hanno finito di giocare ben oltre le una della notte) li sta già preparando a dovere.

Cobolli, che grinta: ribalta Auger-Aliassime e vede la top 60

Il primo colpo a effetto l’ha fatto Flavio Cobolli contro un Felix Auger-Aliassime che una volta di più ha dimostrato di non essere troppo sul pezzo. Il canadese pecca di continuità: il dominio lampante del primo set, dove ha strappato due volte il servizio al romano, non lasciava presagire nulla di buono, ma nel secondo l’inerzia è cambiata, con Cobolli che ha cominciato ad aumentare i giri del motore al servizio, mettendo sovente in difficoltà il rivale.

È però in risposta che l’italiano ha cambiato marcia: gli errori di Aliassime si sono fatti sempre più frequenti, unitamente a un po’ di frustrazione che ha finito per condizionare il rendimento del nordamericano. Che ha progressivamente perso campo e consegnato a Cobolli l’opportunità (sfruttata) di portare la partita al terzo set. Dove l’inerzia s’è confermata tutta a favore dell’italiano, che ha gestito bene i turni di battuta e messo una pressione enorme addosso all’allievo di Toni Nadal.

Risultato? Break conquistato nel sesto gioco e chiusura in carrozza, sfruttando anche il crollo emotivo del canadese (9 doppi falli dal secondo set in poi) che perde nuovamente la battuta nell’ottavo game, con Cobolli che chiude sul secondo match point con una favolosa risposta di dritto mancina sulla seconda (2-6 6-3 6-2). È la seconda vittoria di sempre contro un top 30 per Flavio, ormai a ridosso della top 60 mondiale: nel secondo turno l’attende il vincente della sfida tra Tsitsipas e Safiullin.

Arnaldi senza più limiti: manda fuori giri Fritz, ora Shelton

La partita di Arnaldi contro Taylor Fritz è stata diametralmente opposta, ma ugualmente efficace. Perché il ligure è partito a razzo nel corso di un primo set nel quale l’americano ha concesso qualcosa di troppo sui propri turni di servizio, perdendo due volte la battuta (una volta Matteo) e lamentando di non riuscire a trovare mai il ritmo giusto per replicare.

Fritz però le cose le ha messe a posto in apertura di secondo set, quando ha costretto Arnaldi a inseguirlo e a restare affannosamente attaccato a un match che ha vissuto tanti alti e bassi all’interno della stessa partita. È col rovescio che il sanremese il più delle volte manda in tilt i piani di Fritz, che seppur a fatica un modo per spedire la partita al terzo la trova.

Ma è qui che l’italiano alza sensibilmente l’asticella: il break che ottiene nel quarto gioco dimostra una resilienza negli scambi lunghi e una capacità di chiudere il colpo davvero unici, con il rivale che schiuma rabbia da tutti i pori intuendo che contro questa versione di Matteo c’è poco da fare. Bravo il ligure a tenere in nervi saldi una volta trovato il modo per controllare le operazioni: nel gioco successivo si fa rimontare da 40-15 ma tiene comunque il servizio, giocando sempre a testa alta e con coraggio. E a quel punto innesta il pilota automatico: tiene la battuta a zero nel settimo game, fa sudare tanto l’americano nell’ottavo, chiude nel nono giocando un tennis di livello eccelso con l’ennesimo vincente (6-4 4-6 6-2). Al secondo turno l’attende Ben Shelton, ma intanto è di nuovo nella top 40 mondiale. E l’Italia del tennis va come un treno.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...