,,
Virgilio Sport SPORT

Var, ammissioni e l'sms di Marotta: putiferio su Rizzoli a Sky

Le spiegazioni di Rizzoli su Inter-Parma non convincono del tutto opinionisti e tifosi

Non poteva passare inosservata agli occhi sempre più attenti dei social la presenza, ieri sera, in collegamento, del designatore arbitrale Nicola Rizzoli nel talk Sky Calcio Club di Fabio Caressa con Sandro Piccinini e gli altri opinionisti. L’ex arbitro si è prestato al fuoco incrociato delle polemiche per gli ultimi arbitraggi, specie in Milan-Roma e Inter-Parma entrando peraltro in polemica a distanza con Marotta sulla figura di Rocchi come interfaccia degli arbitri con le società. Le sue parole hanno scatenato un putiferio sul web.

Inter-Parma, Rizzoli e il botta e risposta con Marotta

Impossibile non partire dalla stretta attualità, il rigore negato all’Inter, le parole al veleno di Marotta nel dopo partita col Parma. Il designatore non si sottrae e ammette candidamente:  “Preferisco ammettere un errore e fare chiarezza. Oggettivamente c’è un rigore. Quanto al VAR sarebbe dovuto intervenire perché il VAR ricerca le cose oggettive”. A margine dell’episodio scatenante di Inter-Parma, Marotta aveva sottolineato la mancanza di una interfaccia comunicativa tra le società e il mondo arbitrale. Rizzoli lo ha smentito in diretta parlando di una figura nuova istituita proprio quest’anno e affidata all’arbitro uscente, Gianluca Rocchi. Su questo annuncio è intervenuto indirettamente Marotta tramite un messaggio inviato a Caressa e letto da telecronista in trasmissione: “Beppe Marotta mi scrive che la Lega non ha ufficializzato la figura di Rocchi, non ne eravamo a conoscenza”. Immediata la replica di Rizzoli: “E’ un ruolo ufficializzato dalla Lega tramite fax o e-mail, noi lo abbiamo ufficializzato al raduno di Tivoli. Rocchi sta andando in tutte le società di A e B per confrontarsi. E so che ha parlato anche con Piero Ausilio per incontrare l’Inter”.

Polemiche social sulle parole di Rizzoli

Il primo a criticare le parole di Rizzoli è stato il moviolista per antonomasia, Maurizio Pistocchi: “Gli arbitri italiani, salvo uno/due, sono ritenuti modesti dalla stessa Uefa, che non li tiene in considerazione. Per questo il protocollo deve consentire al VAR di POTER SEMPRE INTERVENIRE nel caso di POSSIBILI ERRORI SU RIGORI E ESPULSIONI”.

Lo stesso Piccinini, che ha sottoposto diverse domande a Rizzoli, ribadisce la sua posizione in un tweet: “Ribadisco il concetto espresso al Club con Rizzoli. Se un arbitro dice: ho sbagliato perché non ho visto, è un conto; ma se dice: ho sbagliato perché non ho voluto rivedere, è molto più grave. Per togliere argomenti ai complottisti ci vuole più Var e meno burocrazia”. Ziliani invece, come al solito, attacca a testa bassa.

Meno diplomatici i tifosi: “Rizzoli dà delle “spiegazioni” che fan venire voglia di brandire un oggetto contundente”; fastidio tra i rossoneri per le parole di Rizzoli sul rigore dato alla Roma lunedì scorso: “Rizzoli ha appena detto che il mancato intervento del VAR sul rigore di Bennacer in Milan-Roma e’ dipeso probabilmente dal rumore che i giocatori del Milan facevano nel protestare, non ci posso credere, non ci posso veramente credere”; “Pensavo di averle sentite tutte ma che Rizzoli dica che le proteste vocali di 5-6 giocatori inibiscano il dialogo arbitro-Var (caso Giacomelli, Milan-Roma) mi mancava”; “bisogna decidere se passare a un arbitraggio in remoto a video o mantenere l’arbitro in campo, accettando la piccola probabilità che commetta errori”.

SPORTEVAI | 02-11-2020 09:21

Var, ammissioni e l'sms di Marotta: putiferio su Rizzoli a Sky Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...