Virgilio Sport

Viktoria Plzen-Fiorentina, moviola: il gestaccio di Ikone e gli errori dell’arbitro

La prova di Grinfeeld nella gara di andata dei quarti di finale di Conference League analizzata ai raggi X, il fischietto israeliano ne ha ammoniti 4

Pubblicato:

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Nato il 21 agosto 1981 a Kiryat YamOrel Grinfeeld, scelto dall’Uefa per Viktoria Plzen-Fiorentina, è un arbitro di calcio israeliano. Dal 2012 fa parte della lista FIFA. Dopo il servizio militare, Grinfeld lavorò inizialmente per la Yasam, un’unità speciale della polizia israeliana, ma successivamente lasciò per concentrarsi sulla sua carriera come arbitro. Inoltre, ha studiato scienze sociali e umanistiche con specializzazione in criminologia. Vive a Kfar Jona. Un momento culminante della sua carriera da arbitro è rappresentato dall’anno 2021. Grazie alla sua partecipazione agli ottavi di finale di Champions League tra il Bayern Monaco e la Lazio è diventato il primo israeliano a dirigere una partita di questa fase a eliminazione diretta della competizione. Per il Campionato Europeo di Calcio 2021, ha arbitrato una partita della fase a gironi, diventando così il primo israeliano a dirigere una partita in una fase finale di un Campionato Europeo. È stato inoltre impiegato in due partite del torneo di calcio olimpico 2021. Vediamo come se l’è cavata ieri.

I precedenti di Grinfeeld con Plzen e Fiorentina

Non ha precedenti con Plzen e Fiorentina Grinfeeld che ha comunque già diretto gare delle italiane oltre a Bayern-Lazio. C’era lui a dirigere Milan-Rijeka 3-2 (Europa League, 2017), Ferencvaros-Juventus 1-4 (Champions League, 2020), Manchester City-Atalanta 5-1 (Champions League, 2019), Napoli-Real Sociedad 1-1 (Europa League, 2020) e Sassuolo-Genk 0-2 (Europa League, 2016). C’è anche un precedente con la Nazionale di Roberto Mancini, in occasione della vittoria interna (2-0) contro la Finlandia per la gara di qualificazione a Euro 2020.

L’arbitro ha ammonito quattro giocatori

Coadiuvato dagli assistenti Roy Hassan e Idan Yarkoni con IV uomo Gal Leibovitz, al Var Ziv Adler e all’AVar Roi Reinshreiber, l’arbitro ha ammonito 4 giocatori: 6′ Cadu (V), 72′ Reznik (V), 89′ Ikoné (F), 90’+4 Chory (V). Recupero: 1, 6′.

Viktoria Plzen-Fiorentina, i casi da moviola

Questi gli episodi dubbi. Al 15′ ammonito Cadu tra i padroni di casa per un tocco duro su Nico Gonzalez. Al 21′ fallo di Hejda su Belotti, intervento in ritardo che poteva essere meritevole di un giallo. Niente sanzione per il capitano dei cechi. Al 37′ Sottil frana sull’avversario in un contrasto, senza pensare alla palla. Molte proteste, Dodo’ va al faccia a faccia con Hejda. Niente giallo per l’esterno viola.

Al 72′ secondo cartellino giallo della gara, questa volta per Reznik del Viktoria Plzen per un fallo su Sottil che lo aveva lasciato sul posto. All’89’ brutto gesto di Ikone che per affrattare i tempi si fa dare il pallone dal raccattapalle, poi lo spintona e infine gli lancia il pallone addosso. Ammonito anche lui. Al 93′ giallo per Chory che protesta eccessivamente con l’assistente chiedendo un fallo che non c’è. Nel complesso sufficiente la prova di Grinfeeld in Viktoria-Fiorentina.

Tags:

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...