,,
Virgilio Sport SPORT

Benedetta Pilato rompe il silenzio dopo Tokyo, interviene l'allenatore

Dopo la conclusione di una Olimpiade deludente, Benedetta Pilato ha fatto il suo ritorno in Italia e ha pubblicato un post su Instagram per replicare a critiche e attacchi

Qualcosa sfugge, inutile negarlo. Benedetta Pilato senza alcun clamore, se non il vigore cocente della manifesta difficoltà di gestione delle pressioni subite e l’ingenua esternazione delle propria sorpresa rispetto alla squalifica subita, rientra in Italia dopo la sua prima, deludente Olimpiade. A Benedetta, esclusa per gambata irregolare dai 100 rana, è stata tolta anche la possibilità di riprovarci con la staffetta, preferendo alla tarantina Arianna Castiglioni. Una scelta dettata dalla maturità agonistica e dai tempi, ma che ha sentenziato il sipario sui Giochi per Benny.

Benedetta Pilato, sfogo su Instagram

Una nuotatrice che aveva esaltato i sostenitori di questo sport di solitudine e sacrificio, che Federica Pellegrini ha reso popolare ma nel senso migliore dell’espressione e quasi ambito, anche grazie al suo rivelarsi Divina in ogni frangente, in ogni settore con un’azione ormai di persuasione ventennale. Eppure quel record sui 50 rana non è poi così lontano e i dubbi sul sostegno a questa ragazzina di appena 16 anni sono stati tanti, troppi per cadere nel dimenticatoio. Su Instagram, Benedetta si è sfogata:

“Finisce qui una delle esperienze più belle della mia vita. Avrei voluto fare di più. È la frase che mi ripeto da due giorni nella testa con le lacrime agli occhi. Sono partita con un obiettivo e purtroppo torno a casa con un po’ di delusione. Mi serve per crescere, per maturare e per riuscire meglio la prossima volta. Non sarà questo a cancellare la stagione magnifica appena finita, che porterò sempre nel cuore. Un Record del Mondo, una medaglia importante e l’onore di essere qui, circondata dai 5 cerchi, a rappresentare la mia Nazione. Torno con la consapevolezza di quello che valgo e con il sorriso. Non sono brava con le parole e non sono solita nel fare queste cose, ma è proprio nei momenti di difficoltà che ci rendiamo davvero conto di chi ci vuole bene e di chi ci resta vicino a prescindere da tutto. Volevo ringraziare la mia famiglia e il mio allenatore, che in queste due settimane mi è mancato tantissimo. Grazie a tutti e soprattutto a chi aspettava da tanto un mio momento buio, mi aiutate soltanto a fare ancora meglio”.

La strana vicenda dell’allenatore di Benedetta Pilato

L’assenza di Vito D’Onghia, allenatore non allenatore secondo la Federazione perché non tesserato, ha evitato polemiche aggiuntive relative alla sua assenza proprio da Tokyo quando sarebbe stato, forse, il momento di sostenere di più questa ragazzina arrivata carica di tensioni e sprovvista dei propri sostegni. Ma come è noto, D’Onghia non essere provvisto del tesserino non poteva essere lì, al fianco di Benedetta e ciò nonostante questo team (costruito con un preparatore, il medico e un allenatore-non allenatore) sia stato mantenuto intatto.

Il rientro in Italia

Ai microfoni di Rai Sport in un intervento andato in onda nel corso de “Il circolo degli anelli”, D’Onghia ha fornito la sua versione. Nessuna polemica, solo parole di sostegno e di conforto per Benny che ha cresciuto da un punto di vista agonistico, dedicando tutto il suo tempo libero alla piscina. Ora, al rientro della Pilato in Italia, saranno diversi i nodi da sciogliere per ritrovare l’equilibrio perfetto, quello che aveva proiettato Benedetta verso Tokyo.

VIRGILIO SPORT | 27-07-2021 11:34

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...