,,
Virgilio Sport SPORT

Euro2020: Chi è Katia Serra, la voce femminile che divide il web

L'ex calciatrice ha debuttato in telecronaca in Francia-Germania ma non ha convinto

Non era una voce sconosciuta, in Rai aveva già lavorato a Euro2016 come opinionista de “Il grande match”, l’approfondimento post-gare condotto da Flavio Insinna, raccontando le partite di Lega Pro, di calcio femminile e di Coppa Italia. Fino a essere ospite fissa, dalla stagione 2015-2016, a «Sabato Sprint» come opinionista su Rai 2 e ai Mondiali 2018 era la voce di Sky nei talk show serali ma per Katia Serra l’altra sera c’è stato il debutto su Rai1 per una telecronaca degli Europei. Ha fatto da seconda voce a Stefano Bizzotto per il big-match Francia-Germania. Un’altra delle novità della rete ammiraglia per questi Europei itineranti.

Serra ha vinto uno scudetto col Modena donne

Nata a Bologna il 5 aprile del 1973 nella sua lunga carriera da calicatrice, durata 24 anni pur funestata da diversi e gravi infortuni tra giovanili e squadre titolari, Katia Serra ha vinto uno scudetto (con il Modena), tre Coppe Italia, una Supercoppa italiana e una Italy Women’s Cup, terminando la carriera nel campionato spagnolo prima del ritiro. Oggi è responsabile calcio femminile Aic. Con la Rai c’era stata una brusca rottura, come lei stessa ricordò (“Fui avvisata con un sms, ancora oggi non ho capito il motivo, mi sono ritrovata fuori dalla Rai, dall’oggi al domani, con un semplice sms, senza spiegazioni,  forse quando hai delle qualità e sei donna, in un Paese a misura d’uomo, non è semplice costruirsi la propria strada”) ma ora è tornato il sereno ela Serra ha avuto l’onere e l’onore di commentare una gara (e che gara) degli Europei sulla rete ammiraglia.

Prima di lei anche la Morace aveva commentato le gare

Non è la prima voce femminile che sbarca nel mondo delle telecronache Rai, prima di lei c’era stata Carolina Morace: con la Rai agli Europei del 2008 (in coppia con Ubaldo Righetti). Al Mondiale di calcio femminile del 2019 (disputati in Francia) c’era invece un’équipe di sole donne.

I tifosi bocciano il commento della Serra

Sui social però sono arrivate tantissime critiche per le sue telecronache: “La tipa che urla in telecronaca mi fa pensare a una finale di canottaggio delle Olimpiadi”. Paolo Madron è stata lapidario: “Alla garrula e insistente voce della telecronista Rai parafrasando il grande Risi verrebbe da dire: Taci e fammi vedere la partita” ma anche tanti altri tifosi hanno protestato: “Ma glielo hanno detto che parla dentro a un microfono? A parlare in fretta si tende a urlare, è fisiologico”

C’è chi scrive: “Ma questa opinionista saccente (leggo che si chiama Katia Serra) ha anche la vocina insopportabile. Ah, che bei tempi quando il telecronista era il solo autorizzato a parlare durante la telecronaca” e poi: “L’unica cosa più fastidiosa di un commentatore Rai è una commentatrice Rai”.

Non manca qualcuno che ne apprezza la competenza ma la maggioranza la boccia: “Personalmente non apprezzo il suo modo di raccontare le partite. E non  è una questione di sesso , ma di esperienza e capacità.”.

C’è chi osserva: “Saper giocare a pallone non vuol dire essere bravi telecronisti ( Buffon insegna ).
Qualcuno le dica di tacere ogni tanto, mi obbliga a togliere l’audio” e infine: “Si può dire che Katia Serra è inascoltabile e che non aggiunge niente di interessante alla telecronaca senza essere tacciati di maschilismo? Anche perché la sua confidenza con la lingua italiana è veramente scadente”.

SPORTEVAI | 17-06-2021 09:58

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...