Virgilio Sport

Figc nel caos, dietro indagine su Gravina ci sarebbe Lotito: c’entra anche Iervolino

Le procure di Roma e Perugia indagano. Chi c'è dietro le accuse a Gabriele Gravina? I sospetti ricadono su Claudio Lotito che non ha mai digerito la vendita della Salernitana.

Pubblicato:

Alessio Raicaldo

Alessio Raicaldo

Sport Specialist

Un figlio che si chiama Diego e la tesi di laurea sugli stadi di proprietà in Italia. Il calcio quale filo conduttore irrinunciabile tra passione e professione. Per Virgilio Sport indaga, approfondisce e scandaglia l'universo mondo dello sport per antonomasia

Ennesima bufera sul calcio italiano. Stavolta l’accusato è il presidente della Figc Gabriele Gravina, reo di aver intascato una tangente da 250mila euro. L’indagine è partita a causa dell’affidamento di un appalto in cambio del pagamento di opzioni d’acquisto su libri antichi di proprietà del massimo dirigente della Federcalcio. L’acquisto non sarebbe in realtà mai avvenuto con l’aspirante acquirente che avrebbe rinnovato le opzioni spendendo la cifra, che poi Gravina avrebbe utilizzato per acquistare un appartamento a Milano. Ma dietro tutto, si dice, ci sarebbero due presidenti di Serie A.

Lotito burattinaio: l’ipotesi sulla quale si indaga

Cominciamo col dire che la notizia non è fresca: esiste un fascicolo in realtà aperto da tempo. Perché viene fuori soltanto ora? Perché fa parte di quelle sotto inchiesta da parte della procura di Perugia. La segnalazione è avvenuta però dalla procura di Salerno con dati forniti da un ex collaboratore di Gabriele Gravina, Emanuele Floridi, considerato oggi uomo molto vicino al presidente della Lazio Claudio Lotito. Il sospetto è che ci possa essere la mano di quest’ultimo che non ha un rapporto ottimo, per usare un eufemismo, con il numero 1 della Figc.

Tutto nasce dalla vendita della Salernitana

Ciò che Claudio Lotito non ha mai digerito è stata la vendita della Salernitana, imposta dal sistema calcio data la regola sull’impossibilità di presiedere due club della stessa categoria. Secondo i magistrati di Perugia il dossier contro Gabriele Gravina sarebbe stato costruito interamente grazie alle dichiarazioni di Floridi. Questa tesi è stata smentita dal pm Antonio Laudati, il quale si è limitato a dire di essersi basato semplicemente sul fascicolo della Dda di Salerno. Il problema è che da Perugia non ci credono e vogliono verificare se dietro tutto ciò ci sia un mandante.

La segnalazione di Lotito

Come spiegato da La Repubblica l’indagine riguarda una transazione che risale al 2018. Il contratto riguarda la Lega Pro e la Isg, società specializzata in piattaforme digitali. L’oggetto del contendere sarebbero i diritti televisivi e da lì si apre un mondo. Da qui, infatti, nasce tutto con la segnalazione partita proprio da Lotito come una sorta di vendetta per la vendita della Salernitana. Dentro la storia, destinata ad allargarsi a macchia d’olio, c’è Michele Punsi, dirigente della sicurezza di Telsi, controllata da Tim, che avrebbe ricevuto il dossier per motivi ancora ignoti.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...