Virgilio Sport

Guerra Ucraina, la Ferrari prende una netta presa di posizione

La scuderia di Maranello, in virtù di ciò che sta accadendo sul suolo ucraino, ha deciso di uscire allo scoperto e allinearsi col resto del circus.

Pubblicato:

Il conflitto attualmente in corso tra Russia e Ucraina continua a produrre effetti rilevanti nel mondo dello sport, Formula 1 inclusa. Seppur in maniera più marginale rispetto alla Haas, anche la Ferrari infatti nelle ultime ore si è trovata a dover rivedere i propri rapporti con i partner di matrice russa e a prendere un’importante decisione in merito.

Ferrari e la collaborazione con Kaspersky

Il Cavallino in particolare, come molti avevano evidenziato nei giorni scorsi, è stata costretta a rimodulare i termini della partnership con Kaspersky, azienda informatica russa specializzata in software che, fino a qualche giorno fa, ha continuato a fornire un importante supporto logistico alla scuderia.

Dai test svolti in Bahrain però, osservando la livrea della vettura e le tute dei piloti, si è capito che qualcosa è cambiato.

“Il logo Kaspersky non è più sulla nostra monoposto né sui caschi dei piloti né sulle nostre piattaforme online poiché la partnership con Kaspersky è momentaneamente sospesa, per decisione congiunta” ha comunicato la Ferrari a FormulaPassion.it.

“Ferrari crede che il mondo dello sport debba lanciare un messaggio chiaro a sostegno del popolo ucraino. Ferrari e Kaspersky hanno concordato di rimuovere i loghi e sostituirli (sui caschi dei piloti) con #essereFerrari che esprime il messaggio del nostro desiderio per un futuro di non violenza e dialogo”.

Ferrari, un’altra decisione da prendere

Quella con Kaspersky potrebbe non essere però l’unica collaborazione sospesa dalla Ferrari a causa della guerra russo-ucraina.

La Rossa infatti, nelle prossime ore, dovrà riflettere anche sulla situazione di Robert Shwartzman, pilota russo dell’Academy di Maranello designato per le due prove libere affidate a debuttanti che potrebbe subire lo stesso destino di Mazepin.

Attualmente una decisione non è ancora stata presa ma non è escluso che novità in merito possano sopraggiungere molto presto.

Ferrari e F1 unite contro la guerra

La Ferrari dunque ha seguito e ripreso da vicino i provvedimenti attuati dalla Haas nei confronti di Nikita Mazepin e del title sponsor russo Uralkali, azienda chimica di proprietà del padre del pilota.

In questo modo, in sostanza, la Rossa si è allineata alle posizioni del parco piloti e di tutto il circus della Formula 1 che hanno condannato con forza il conflitto in atto in Ucraina tagliando su più livelli i ponti con la Russia.

 

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...