Virgilio Sport

Inter-Skriniar: è gelo, il club vuole il deferimento dell’agente e spinge per la cessione a gennaio

L’Inter è infuriata con Roberto Sistici, procuratore di Milan Skriniar, per le intempestive dichiarazioni sul futuro del suo assistito: ora il club vorrebbe provare a monetizzare e provare a vendere subito il difensore

25-01-2023 13:00

Gerry Capasso

Gerry Capasso

Giornalista

Giornalista con una passione sfrenata per gli Sport Usa, di cui è esperto conoscitore. Ma su Virgilio Sport è un osservatore del pallone nostrano e delle sue baruffe quotidiane. Appassionato di musica, ha sviluppato orecchio anche per borbottii degli spogliatoi, mugugni dei tifosi e voci di mercato

Una storia che sta finendo decisamente peggio del previsto. La separazione tra l’Inter e Milan Skriniar rischia di essere molto più burrascosa di quanto si potesse sperare. Il difensore, che è sempre stato un idolo della tifoseria nerazzurra, potrebbe lasciare Milano anche nei prossimi giorni, o vivere i prossimi mesi da separato in casa dopo che il suo procuratore ha rivelato la sua intenzione di non rinnovare.

Inter-Skriniar: i nerazzurri infuriati con Roberto Sistici

Il gelo è calato sul rapporto tra l’Inter e Milan Skriniar proprio nella giornata di lunedì. Mentre l’Inter era in campo per il match contro l’Empoli, a TeleNord il suo procuratore Roberto Sistici vuotava il sacco. L’agente del giocatore slovacco ha parlato della trattativa con il PSG, delle proposte fatte da Skriniar e di quelle arrivate dal club, rivelando che non c’erano più margini di manovra per un possibile accordo. A pochi chilometri di distanza arrivava l’espulsione del difensore e la sconfitta dell’Inter a gettare ancora più benzina sul fuoco.

Nelle ultime ore, secondo la Gazzetta dello Sport, il club nerazzurro avrebbe anche pensato di chiedere il deferimento per Roberto Sistici per aver parlato apertamente nel corso delle sue dichiarazioni di una trattativa con altri club, una cosa vietata dal regolamento. Ma alla fine potrebbe prevalere la strada del buonsenso piuttosto che quella dello scontro, con l’Inter che potrebbe lavorare insieme al procuratore per cercare una soluzione immediata.

Inter: ora la priorità è la cessione di Skriniar

Mancano pochi giorni alla chiusura del mercato invernale ed in casa nerazzurra ora sembrano tutti orientati verso la cessione di Milan Skriniar. A pesare non è l’espulsione di lunedì sera ma ragioni di cassa. I dirigenti nerazzurri sperano di riuscire a trovare un accordo con il PSG (club che si prepara ad accogliere il giocatore a parametro zero la prossima estate) e provare a recuperare almeno 15-20 milioni di euro che sarebbero una boccata di ossigeno per le classe del club. Una parte di questi soldi andrebbero poi investiti e in fretta sul possibile sostituto per provare ad avvicinare l’attivo di mercato (tra i 60 e gli 80 milioni) richiesto dal presidente Zhang.

Skriniar: per la cessione al PSG la strada è in salita

Le speranze dell’Inter però potrebbero scontrarsi con la volontà del PSG. Deve essere il club francese ora a fare la prima mossa per provare a portare immediatamente il calciatore a Parigi magari per schierarlo già negli ottavi di finale di Champions contro il Bayern Monaco. Ma al momento dalla capitale francese non sono arrivati approcci in tal senso, senza dimenticare che ai nerazzurri rimarrebbe pochissimo tempo per provare a trovare un sostituto.

Inter, i tifosi hanno già scaricato Milan Skriniar

Da idolo a giocatore da scaricare nel giro di poche settimane. La storia d’amore tra Skriniar e i tifosi dell’Inter rischia di concludersi nel modo peggiore. Sui social lo slovacco è al centro di molte critiche e non mancano quelle all’indirizzo della società. “Io lo avrei già ceduto questa estate ma non mi chiamo Marotta”, scrive Gigi. Anche Ierardi la pensa allo stesso modo: “Via immediatamente, sappiamo bene quanto incidano i giocatori passivi in uno spogliatoio”. Mentre Tony se la prese con il club: “Il problema è che l’area tecnica dell’Inter non ha la minima idea di come sostituirlo. E’ quella la cosa più assurda”.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...