Virgilio Sport

Juventus, comanda Calvo: ecco cosa decide e quanto può spendere

Francesco Calvo, Chief Football Officer della Juventus, avrà pieni poteri sul mercato fino a 15 milioni di spese, ma avrà ampi poteri anche sulla situazione contrattuale dei giocatori

11-02-2023 10:11

Gerry Capasso

Gerry Capasso

Giornalista

Per lui gli sport americani non hanno segreti: basket, football, baseball e la capacità innata di trovare la notizia dove altri non vedono granché

La Juventus cambia volto. Il terremoto che ha sconvolto la società e che di fatto ha azzerato i quadri dirigenziali bianconeri ancora si deve assestare del tutto. Il nuovo CdA è da poco entrato in carica, così come una serie di dirigenti che dovranno traghettare la Vecchia Signora in questo periodo decisamente turbolento.

Juventus, il ritorno di Francesco Calvo nel club

Francesco Calvo è uno dei volti di questa nuova fase della dirigenza della Juventus. Il manager era già rientrati nei quadri nei mesi scorsi con il ruolo di Chief of Staff, dopo che i rapporti con il presidente Andrea Agnelli si erano rasserenati. Dopo l’addio del presidente però, Calvo è stato ufficialmente nominato Chief Football Officer, che lo mette a riporto di Maurizio Scanavino, ma che fa di lui una figura decisamente importante visto che a lui riportano Federico Cherubini, Stefano Braghin e Paolo Morganti.

Juventus: il ruolo di Calvo nella società bianconera

A spiegare con precisione il ruolo di Francesco Calvo all’interno del club bianconero ci pensa CalcioeFinanza che riporta un documento ufficiale dei poteri che sono stati attribuiti al dirigente soprattutto per quanto riguarda la gestione sportiva e il calcio mercato. Nel documento si legge che Calvo ha il potere di “acquistare e cedere a titolo definitivo o temporaneo contratti aventi ad oggetti le prestazioni sportive di calciatori entro il limite massimo di 15 milioni con firma singola e entro il limite di 25 milioni con firma abbinata ad un amministratore”.

Inoltre Calvo potrà anche stipulare e risolvere contratti entro il limite massimo di firma singola fino a 20 milioni di euro e con firma abbinata fino a 25 milioni di euro. Nei compiti del nuovo dirigente anche la possibilità di stipulare contratti con gli allenatori entro il limite di 5 milioni di euro con firma singola e di 10 con firma abbinata.

Chi è Francesco Calvo, Chief Football Officer della Juventus

Francesco Calvo è laureato in Business Administration alla Bocconi di Milano ed ha cominciato il suo percorso lavorativo in Philip Morris accanto all’ex amministratore delegato della Juve, Maurizio Arrivabene. La sua prima avventura alla Juventus è data 2011 quando arriva con il ruolo di direttore commerciale e poi fino al 2014 come Chief Revenue Officer. Il rapporto con Agnelli si incrina e per Calvo si aprono le porte della Spagna, dove fa un’esperienza importante al Barcellona prima del ritorno in Italia tra le fila della Roma. Il ritorno alla Juventus è stato voluto in prima persona da John Elkann.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...