Virgilio Sport

Juventus, Max Allegri guarda avanti e minimizza il caso Dybala

Max Allegri spegne subito il caso del litigio con Paulo Dybala, concentrandosi sulla Salernitana e sulla sfida con l'Inter.

Pubblicato:

Il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara di domani pomeriggio contro la Salernitana di Davide Nicola. La Juventus ha subito soltanto un gol in cinque sfide contro la Salernitana in Serie A, ovvero quello di Marco Di Vaio, il 2 maggio 1999, che ha regalato ai campani l’unico successo contro la Vecchia Signora nel massimo campionato. Completano il quadro tre vittorie dei bianconeri e un pareggio.

Sarà fondamentale, per stessa ammissione di Allegri, smaltire subito la pessima prova col Villarreal e rimettersi subito in carreggiata per noi buttare al vento tutta la stagione.

Juventus-Salernitana, Allegri: “Subito cancellare l’eliminazione dalla Champions”

Il tecnico bianconero inizia subito presentando la sfida con la Salernitana, una squadra che, dopo il mercato di gennaio, è molto differente rispetto a quella dell’andata:

“I campani sono molto differenti rispetto alla prima parte di stagione, hanno fatto buoni risultati e giocano meglio. Serve cancellare il ko in Champions e chiudere questo periodo nei migliori dei modi. Dobbiamo rimanere vicini all’Inter per poi giocarci lo scontro diretto”.

Allegri si mostra ancora indeciso su chi schierare dall’inizio, anche perchè la condizione di alcuni è da valutare attentamente:

“Non ho ancora deciso chi gioca. Chiellini, Dybala e Bernardeschi stanno meglio, ma non hanno 90 minuti nelle gambe e dobbiamo vedere titolari e riserve. Diffidati in panchina? No, non valuto niente. Vinciamo con quelli che abbiamo, chi rimane andrà contro l’Inter”.

Una parola anche sul brasiliano Arthur, molto criticato dopo la sua prestazione col Submarino Amarillo:

“Domani gioca, ora gioca sempre. Arthur è stato fermo sei mesi. C’era bisogno di tempo per metterlo in condizione e non era facile perchè il periodo era complicato. Ci sono vari passaggi per costruire una squadra, come nella vita. Serve sia tempo che pazienza ma stiamo facendo un buon lavoro con lui”.

Juventus, Allegri minimizza la lite con Dybala e la squadra: “Non è successo nulla”

Si è fatto un gran parlare, nella giornata di oggi, della presunta lite negli spogliatoi della Continassa tra Allegri e la squadra, e soprattutto con Paulo Dybala. Il problema sarebbe scoppiato in seguito alla richiesta da parte dei giocatori di un permesso per riposarsi. Allegri in conferenza spiega bene l’accaduto:

“Mi hanno sottoposto una richiesta e io ho rifiutato. Ma non è successo niente, loro hanno compreso e sono stati educati. Dopo l’allenamento di sta mattina rimarremo in ritiro tutti assieme perchè domani sarà difficile, ci riposiamo e proviamo a essere sereni. Ho chiesto di rimanere tutti insieme, nessuna discussione. Richiesta inopportuna? Pure io sono stato giocatore, ogni tanto un po’ di casino ci serve altrimenti siamo davvero troppo piatti. Andando a dormire l’altra sera pensavo che eravamo troppo piatti e serviva un po’ di casino. Ringrazio i ragazzi che mi hanno dato l’opportunità”.

Juventus-Salernitana, Allegri: “Per costruire ci vuole tempo”

Allegri nel corso dell’intervento prova a tracciare una panoramica complessiva della stagione bianconera, ribadendo di essere in linea con gli obiettivi che si erano dati a inizio anno:

“Con la società esiste un percorso e abbiamo messo già le basi. Siamo sulla buona strada ma serve attenzione perchè per rovinare tutto ci vuole poco e bisogna quindi stare molto attenti. Eravamo in una brutta situazione quando a gennaio eravamo a meno 10 dall’Atalanta e in quel caso siamo stati bravi, mentre in Champions ci è mancato qualcosa. Le opinioni cambiano velocemente dal martedì al giovedì.

“Voi dovete scrivere queste cose, noi dobbiamo rimanere lucidi. La nostra squadra non è cambiata per niente da martedì a giovedì. Penso che abbiamo comunque giocato bene, quante palle gol si possono creare in un ottavo di finale? Non tutte le ciambelle vengono col buco. Ovvio, nessuno poteva prevedere un ko per 3-0, il calcio è questo. Proprio come il Real Madrid col PSG.

“Pensiamo positivo, che dopo la sosta avremo tutti a disposizione tranne i lungodegenti Chiesa e Weston. Così se sbaglio la formazione ho possibilità di rimediare. A mettere Dybala a 10 dalla fine ho i miei motivi, mica sono pazzo. Fortunatamente sono abbastanza equilibrato, difficilmente mi faccio spostare nei miei giudizi. Sulle valutazioni dei miei giocatori non sbaglio quasi mai, magari faccio peggio con gli schemi”.

Max Allegri ribadisce poi che il suo lavoro si basa su un progetto di quattro anni:

“Io assieme alla società devo guardare, mi hanno chiamato alla Juve per un percorso di quattro anni. Il mercato di gennaio è stato utile per accorciare i tempi, ora guaderemo cosa potremo migliorare ancora. Se secondo voi arrivare quarti è un fallimento allora scrivetelo. Il vecchio detto a calcio: chi vince è un bravo ragazzo, chi perde… Bisogna fare delle valutazioni, vincere le partite con gli elementi che hai a disposizione. Per ora battiamo la Salernitana che non è facile. È molto importante vincere soprattutto per giocare lo scontro con l’Inter da molti vicini”.

Tags:

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...