Virgilio Sport

La classifica senza errori arbitrali: ventiquattresima giornata

La quinta di ritorno si chiude senza partite falsate dalle sviste dei direttori di gara: è la seconda volta che accade in tutto il campionato.

18-02-2020 10:00

La classifica senza errori arbitrali: ventiquattresima giornata Fonte: Ansa

Non mancano gli episodi controversi, eppure la quinta giornata di ritorno è la seconda in tutto il campionato a non far registrare risultati falsati da sviste arbitrali. Merito di una maggiore attenzione e responsabilità dei fischietti dopo le polemiche roventi degli ultimi tempi? Chissà. Eppure di carne al fuoco ce n’è parecchia, anche in questa tornata relativamente tranquilla.

La sfida scudetto

Il match di Roma tra Lazio e Inter è senza dubbio il confronto clou dell’intero turno. Due gli episodi controversi. Il primo è il calcio di rigore assegnato alla Lazio, a inizio ripresa: De Vrij sbilancia fallosamente Immobile? Per Rocchi di Firenze non ci sono dubbi: sì. La decisione appare corretta, anche se – paradossalmente – anche la mancata concessione del penalty non sarebbe stata uno scandalo. Giusto, in ogni caso, non espellere il difensore olandese. Protesta poi l’Inter al 20′: Luiz Felipe rischia grosso, ma non è falloso il suo intervento su Young. Perfetta la scelta di tempo del difensore laziale, che ritrae la gamba subito dopo, evitando l’impatto con l’inglese.

E il testacoda

Timide proteste del Brescia per la mancata espulsione di Bonucci per un fallo su Ayé lanciato a rete, al 19′ della sfida dello Juventus Stadium: Chiffi estrae correttamente il giallo. Inevitabile anche l’espulsione per somma di ammonizioni dello stesso Ayé, ingenuo in particolare nel secondo fallo su Ramsey. Nella ripresa probabilmente potrebbe starci un giallo anche per Cuadrado, peccato veniale che però non sposta più di tanto gli equilibri della partita.

Irrati salvato dal Var

Continua il momento no dell’arbitro Irrati, che a Genova è salvato in più circostanze dal Var. Stavolta il presidente viola Commisso può essere soddisfatto: corrette le decisioni in occasione dei due rigori assegnati alla Fiorentina per tocco di mano di Ramirez e per la manata di Murru su Pezzella, non viste inizialmente dall’arbitro pistoiese. Ok anche l’espulsione, sempre dopo consulto Var, di Badelj per una brutta entrata su Bertolacci.

Le altre partite

A proposito di Var. Due giorni dopo aver concesso, tra le polemiche, un rigore alla Juventus nel finale del match di Coppa Italia contro il Milan, Valeri decide di non richiamare il collega Guida per un intervento piuttosto simile di Bonifazi nel corso di Lecce-Spal: come mai?  Nessun ricorso video neppure per Fabbri durante Milan-Torino: per i granata c’è fallo su Berenguer nell’azione che innesca la rete decisiva di Rebic, per il fischietto di Ravenna invece no e probabilmente ha ragione lui.

La classifica senza errori arbitrali

Inter 59; Juventus 51; Lazio 50; Atalanta 47; Napoli 42; Roma 39; Verona 38; Bologna, Parma 36; Milan 32; Fiorentina, Sassuolo 30; Torino, Cagliari 29; Lecce 26; Sampdoria, Udinese 23;  Genoa 17; Spal, Brescia 13.

La classifica reale

Ed ecco invece la graduatoria “vera”, quella con i punti conquistati sul campo (e con gli errori arbitrali). Tra parentesi sono segnati proprio i punti in più o in meno accumulati da ciascuna squadra: Juventus 57 (+6); Lazio 56 (+6); Inter 54 (-5); Atalanta 45 (-2); Roma 39; Verona 35 (-3), Parma 35 (-1), Milan 35 (+3); Napoli 33 (-9), Bologna 33 (-3); Cagliari 32 (+3); Sassuolo 29 (-1); Fiorentina 28 (-2); Torino 27 (-2); Udinese 26 (+3); Lecce 25 (-1); Sampdoria 23; Genoa 22 (+5); Brescia 16 (+3); Spal 15 (+2).

IL REGOLAMENTO

Questa classifica è stilata sulla base di quello che avviene in campo, in occasione di episodi decisivi e che possono determinare direttamente il risultato, come i gol convalidati o annullati, i rigori concessi o non concessi, un’espulsione esagerata o ingiusta a tanti minuti dalla conclusione del match. Non sono considerate le variabili non direttamente determinanti, come i cartellini gialli, i falli veri o presunti avvenuti nell’azione precedente a quella che ha portato a un gol, le rimesse laterali, i corner contestati, un’espulsione contestata in zona Cesarini, ecc. 

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...